martedì, 23 luglio 2019
CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

06.06.2019

Il giorno cupo della giustizia

Che la logica correntizia nell’organo di autogoverno dei magistrati, il Csm che ha rango costituzionale, potesse portare a queste degenerazioni sorprende, ma non del tutto. L’apprendere che ci fosse una sorta di commissione parallela composta da cinque membri togati del Csm, politici del Pd e uomini d’affari come Lotito, presidente della Lazio, che oltre a indirizzare le nomine dei procuratori pilotasse dossier contro magistrati scomodi per tagliarli fuori dagli incarichi di vertice, come l’aggiunto Ielo a Roma, inquieta e fa pensare male. Ed è l’anticamera del sospetto. È una pagina amara per la giustizia scossa che deve riscattarsi. Il cittadino di fronte a questi scenari rimane colpito e si interroga. Doveroso che il Capo dello Stato Mattarella, che è il presidente del Csm, si dica sgomento e chieda trasparenza. Vogliamo credere che lo scandalo della prassi lobbista che mal si addice alla magistratura, al di là dell’immagine del “giorno cupo” evocato da un galantuomo come Piercamillo Davigo, segni una svolta nelle modalità di selezione di membri togati del Csm e soprattutto che venga reciso il perverso cordone con la politica. Quando il potere legislativo e quello giudiziario si saldano in modo incestuoso con una rete di scambi di favori facendo venire meno l’autonomia tanto sbandierata del secondo, è una giornata nera della democrazia. La giustizia è nemica dei poteri occulti. L’opinione pubblica deve potersi fidare delle toghe, perché anche quando sbagliano deve essere convinta che non ci sono manovre sottobanco. Tipiche invece della politica lottizzata. •

di IVANO TOLETTINI
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1