23 settembre 2020

Mondo

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

06.08.2020 Tags: Beirut , Libano , almeno dieci italiani sono rimasti lievemente feriti nelle esplosioni a Beirut , Morta a Beireut una donna italiana

Strage a Beirut
Tra le vittime c'è
una donna italiana

Una cittadina italiana di 92 anni è morta e almeno dieci italiani sono rimasti lievemente feriti nelle esplosioni che hanno distrutto la zona portuale di Beirut, in Libano. Lo confermano fonti della Farnesina, che stanno monitorando in tempo reale la situazione insieme all’ambasciata d’Italia a Beirut. La vittima era sposata con un ex medico di fiducia dell'ambasciata d'Italia in Libano.

 

Tra i feriti c'è anche una donna salentina, 31 anni, figlia dell'ex parlamentare ed ex sindaco Antonio Lia, che si trovava in Libano per farle visita. La donna sta bene, ha detto di avere subito solo ferite lievi. Ha comunicato su Facebook di essere in buone condizioni di salute. La 31enne vive con il fidanzato proprio a Beirut. Sono rimasti feriti entrambi. 

 

È salito intanto ad almeno 137 morti e 5mila feriti il bilancio delle esplosioni nel porto e gli sfollati sono 300mila. Il governo libanese chiede l'arresto dei responsabili dello stoccaggio. E parla uno dei due militari italiani feriti: «Siamo stati fortunati, il pensiero va ai libanesi». 

 

Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha avuto oggi una conversazione telefonica con il Primo Ministro libanese, Hassan Diab. Nel corso del colloquio Conte ha espresso - si legge nella nota - profonda solidarietà del governo italiano per la tragica esplosione avvenuta a Beirut lo scorso 4 agosto. Nell'assicurare l'incondizionato sostegno italiano alle Autorità e al popolo libanesi, il presidente ha confermato che l'Italia ha già provveduto all'invio di personale e materiali ed è pronta a fornire ogni ulteriore assistenza richiesta.

 

«Stamattina è partito dalla Base di pronto intervento umanitario delle Nazioni Unite di Brindisi un volo umanitario diretto a Beirut - organizzato dal ministero degli Affari Esteri, insieme al Dipartimento della Protezione Civile e al Comando Operativo del vertice Interforze - con un carico di circa 8,5 tonnellate di materiale sanitario messo a disposizione dalla Cooperazione Italiana». Lo ha reso noto il ministro degli Esteri Luigi Di Maio su Fb.

Correlati

Articoli da leggere

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1