22 settembre 2020

Italia

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

11.08.2020

Viviana Parisi, il pm: «Chi ha visto parli»

Viviana Parisi con il figlio Gioele
Viviana Parisi con il figlio Gioele

Sono omicidio volontario e sequestro di persona i reati per cui la Procura di Patti ha aperto
un’inchiesta sulla morte della dj Viviana Parisi e sulla scomparsa del figlio di 4 anni della donna, Gioele. Un tecnicismo che consente di avere maggiore margini di manovra nelle indagini. Tant’è che al momento non ci sono indagati, perché il fascicolo è a carico di ignoti. Per la Procura di Patti, infatti, tutte le piste sono aperte e non ci sono al momento ipotesi privilegiate.

 

Un contributo alle indagini potrà arrivare anche dall’autopsia che sarà eseguita nel primo pomeriggio nell’obitorio dell’ospedale Papardo di Messina. Ma anche dalle testimonianze di familiari, amici, conoscenti che sono stati sentiti e saranno riascoltati dalla squadra mobile
che indaga.

Purtroppo le telecamere visionate al momento non hanno ripreso mamma e figlio a Sant’Agata di Militello in un posto preciso, ma si continuano ad acquisire altre registrazioni.
Sulle ricerche a Caronia ambienti giudiziari ritengono «ingenerose le dichiarazioni dei familiari» su presunti ritardi o inattività, poiché, sottolineano, «sono state avviate da subito, ma viste le condizioni del terreno, la boscaglia fitta e la presenza di animali è stata complicata l’ispezione anche se avvenuta con i droni o con i cani». Secondo i soccorritori il terreno è stato diviso in zone quindi solo casualità non è stata trovata subito.

 

«Chiunque abbia visto qualcosa utile alle indagini parli». Lo ha detto il procuratore di Patti, Angelo Cavallo, titolare dell’inchiesta. L’appello ha in particolare due destinatari cioè le persone che hanno riferito a gente sul posto di avere visto una donna con un bambino scavalcare il guard rail. «Hanno fatto un’opera meritoria a fermarsi, per vedere se qualcuno avesse bisogno di essere soccorso - ha sottolineato Cavallo - adesso parlino con noi perché non sappiamo chi sono. È strano che nonostante il clamore mediatico non si siano ancora presentati o non ci abbiano contattati. Questa testimonianza è importante - ha spiegato il procuratore - per chiarire una volta per tutte se Gioele era con la madre o no»

 

Correlati

Articoli da leggere

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1