12 agosto 2020

Italia

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

06.07.2020 Tags: Veneto, Emilia Romagna, Toscana e Lazio. Lombardia , Italia , il ministro della Salute Roberto Speranza , focolai di nuovi contagi da coronavirus , Tso obbligatori , il virus è di rientro , Covid-19

Tso per i positivi che non si curano
Il ministro della Sanità già al lavoro

Sono decine i focolai di nuovi contagi da coronavirus sparsi in Italia
Sono decine i focolai di nuovi contagi da coronavirus sparsi in Italia

Sono decine i focolai di nuovi contagi da coronavirus sparsi un pò a macchia di leopardo in diverse regioni, per lo più Veneto, Emilia Romagna, Toscana e Lazio, e l’ultima impennata si è diffusa nella già piagata Lombardia, nei macelli e salumifici del mantovano con 68 positivi.

In molti dei nuovi casi c’è un comune denominatore: il virus è di rientro, contratto all’estero e "trasportato" a casa nostra. Si tratta di persone positive, soprattutto lavoratori stranieri, che fanno rientro in Italia, il più delle volte da paesi extra Schengen dove l’epidemia non è sotto controllo.

 

E dopo il caso dell’imprenditore di Pojana Maggiore ricoverato a Vicenza in condizioni gravi ma stabili dopo aver in un primo tempo rifiutato le cure nonostante evidenti sintomi di Covid, alle sue spalle una scia di 5 contagiati e 89 persone in isolamento, anche il ministro della Salute Roberto Speranza - sollecitato dal governatore Luca Zaia - sta riflettendo sui trattamenti sanitari obbligatori. È dunque al lavoro l’ufficio legislativo del ministro Speranza per verificare il quadro normativo sui Tso. L’obiettivo è quello di studiare una norma più stringente per la tutela contro il Covid dopo il caso del focolaio veneto. La verifica tecnica servirà anche di supporto ai sindaci. «Oggi se una persona è positiva e non resta in isolamento ha una sanzione penale da 3 a 18 mesi di carcere. E c’è una multa fino a 5mila euro», ha detto il ministro in un’intervista a Repubblica, in cui ha parlato anche di «test sierologici sulla popolazione scolastica». 

 

Per ora le norme anticontagio puniscono chi non rispetta la quarantena o diffonde il virus, non chi rifiuta di curarsi. Sul fronte degli stili di vita, inoltre, preoccupano gli assembramenti e i comportamenti rilassati: nei boschi dell’astigiano, lungo il Tanaro, è stato "sgomberato" dalle forze dell’ordine un rave con 400 ragazzi, e Federfarma ha notato un grosso calo nella vendita di mascherine.

 

Un campanello d’allarme che ha costretto ai ripari, con il governatore della Toscana Enrico Rossi che ha stabilito il ricovero obbligatorio nei covid hotel

per i contagiati che vivono nel sovraffollamento, e da domani a Roma partono i tamponi a tappeto per la comunità del Bangladesh dove il virus dilaga. Il governatore del Lazio Nicola Zingaretti chiede tamponi negli aeroporti per i voli da paesi ad alto rischio

 

 

 

 

Correlati

Articoli da leggere

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1