14 ottobre 2019

Italia

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

07.10.2019

Sparatoria Trieste
Il killer apre il fuoco
poi tenta la fuga

TRIESTE. Alejandro Stephan Meran, pistola in mano, spalanca una porta e si trova in una piccola stanza vuota, come un topo in trappola esce di corsa. In un altro spezzone di filmato corre attraversando l’atrio della Questura, ha due pistole, spara contemporaneamente con entrambe ad altezza d’uomo verso il piantone (rimasto ferito a una mano), cerca e trova la porta, scappa. Nel terzo, all’esterno, si guarda intorno, cerca una via di fuga, tenta di aprire una volante parcheggiata, poi si dirige verso la Panda della Squadra Mobile che fa velocemente retromarcia. Infine, si ripara dietro le auto parcheggiate. Lì terminerà la fuga. Sono alcuni dei frammenti del video diffuso dalla Questura di Trieste in serata.

 

 

Sono stati tagliati i frames più violenti, ma la figura che ne emerge è quella di un giovane, capelli rasta, che sembra il protagonista di un film di Tarantino. Se non si fosse consumata purtroppo una tragedia, sembrerebbe incredibile. Il giovane si muove come un pazzo, e per questo la Procura ha annunciato che chiederà una perizia psichiatrica su Meran, che intanto è stato dimesso dall’ospedale e condotto nel carcere "Ernesto Mari" di Trieste. Sulla vicenda, in particolare sulla polemica relativa alla sicurezza delle fondine, è intervenuto anche il capo della Polizia, Franco Gabrielli: «Non c’è correlazione tra l’ipotetica inefficienza della fondina e l’episodio che ha visto la morte dei colleghi», sintetizza. Non negando, tuttavia, che il tema degli approvvigionamenti «esiste, perché abbiamo finanziamenti schizofrenici e siamo perennemente in affanno». Gabrielli ha quindi confermato quanto ieri sostenuto dal Questore di Trieste, Giuseppe Petronzi: «Abbiamo pagato un prezzo altissimo, ma la professionalità dei colleghi di Trieste ha impedito che la dimensione della tragedia fosse molto più ampia. L’assassino aveva due pistole in mano e a 150 metri dalla questura c’è piazza dell’Unità d’Italia e se l’avesse raggiunta avremmo pagato un prezzo più alto».

 

La Questura ha poi invitato «coloro che desiderano esprimere vicinanza alle famiglie di Matteo e Pierluigi» a compiere una donazione a favore del Fondo di Assistenza per il Personale della Polizia di Stato - IBAN IT30I0100503374000000200003 - con causale "A favore dei famigliari di Matteo Demenego e Pierluigi Rotta"».

Francesco De Filippo
Correlati

Articoli da leggere

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1