20 ottobre 2019

Italia

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

06.10.2019

Sparatoria in questura: «In un video scene drammatiche»

La pistola a terra davanti alla questura di Trieste. FOTO ANSA
La pistola a terra davanti alla questura di Trieste. FOTO ANSA

«Fasi estremamente concitate al tempo stesso drammatiche». Così il Questore di Trieste, Giuseppe Petronzi, ha definito i filmati delle telecamere che hanno ripreso la scena della sparatoria all'interno della questura. Fasi che «hanno testimoniato la capacità di risposta dell'apparato che è riuscito a rendere inerte e a fermare la persona immediatamente, scongiurando la possibilità che potesse fare danni peggiori», ha concluso.

 

Le telecamere nell'atrio e quelle all'esterno del palazzo, sequestrate dall'autorità giudiziaria, avrebbero ripreso una parte della sparatoria, ovvero il conflitto a fuoco col personale di guardia e il tentativo di fuga di Alejandro Stephan Meran, subito dopo l'omicidio due poliziotti.

 

Sparatoria a Trieste, le urla dell'aggressore ferito

 

Sono stazionarie le condizioni di Meran, ricoverato nel reparto di Medicina D'Urgenza, e curato con terapia farmacologica. Il giovane, che due giorni fa ha ucciso due poliziotti in Questura a Trieste sparando numerosi colpi di pistola, è piantonato in ospedale dalle forze dell'ordine. Analogamente, sono buone e stazionarie anche le condizioni del poliziotto ferito durante la sparatoria, che era stato operato due sere fa alla mano sinistra. L'agente è ricoverato nel reparto di ortopedia. Entrambi sono ricoverati all'ospedale di Cattinara.

E, anche questa mattina, a due giorni dalla sparatoria, i cittadini di Trieste continuano a rendere omaggio a Pierluigi e Matteo avvicinandosi all'ingresso principale della Questura e lasciando un segno di ringraziamento. Ancora fiori, disegni, biglietti e candele per "i nostri eroi". Si avvicinano in silenzio, alla spicciolata. Ci sono adulti ma anche bambini. Composti poi entrano nell'edificio per un minuto di raccoglimento davanti al monumento ai caduti, dove ci sono le foto dei due agenti, tra corone di fiori e candele. Nei disegni dei bambini, lasciati all'ingresso della Questura, il ritratto dei loro "angeli" in divisa."Voi avete fatto di tutto per noi. Voi siete dei angeli", scrive un bimbo. "Siete i nostri eroi, i protettori dell'Italia", si legge su un altro foglio. Sotto la rappresentazione dei due agenti sorridenti.

 

 

Correlati

Articoli da leggere

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1