30 maggio 2020

Economia

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

01.02.2015

Contagio all'incontrario

Turisti ammirano il parlamento greco. I timori di contagio finanziario fugati da Draghi. ANSA/P. GIANNAKOURIS
Turisti ammirano il parlamento greco. I timori di contagio finanziario fugati da Draghi. ANSA/P. GIANNAKOURIS

Siamo immuni dall'influenza greca. Sì, l'epidemia antirigorista che da Atene qualcuno temeva (o sperava) potesse infiltrarsi nei gangli vitali dell'Unione europea, a partire dai Paesi più a rischio come, nell'ordine, Portogallo, Spagna e Italia (noi, tra l'altro, siamo lo Stato col più alto debito pubblico in valore assoluto, oltre duemila miliardi, e col mercato obbligazionario tra i più liquidi del mondo), in realtà resterà confinata negli angusti cortili ellenici. Ma c'è di più. Grazie al farmaco potente brevettato da un medico d'eccezione, Mario Draghi, non solo non ci sarà il contagio, ma addirittura in Italia le cose andranno ancora meglio. Insomma, un benefico contagio all'incontrario.
TITOLI DI STATO. Questa settimana abbiamo avuto l'ultimo bollettino di notizie positive per quel che riguarda il capitolo di titoli di Stato. Un bollettino che, come si usa tra i farmaci da prendere solo dietro prescrizione di ricetta medica, dovrebbe riportare alcune avvertenze e possibilmente a caratteri cubitali: «Non è indicato per chi intende utilizzare detti titoli a fini di risparmio». (...)

Leggi l’articolo integrale sul giornale in edicola

Marino Smiderle
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1