18 giugno 2019

Cultura

Chiudi

08.01.2018

Il mondo versione Abarth che spopolò tra i vicentini

Renato Donati davanti alla sua Fiat 500 in versione AbarthIl libro sulle Gran Turismo  edito da Giorgio Nada
Renato Donati davanti alla sua Fiat 500 in versione AbarthIl libro sulle Gran Turismo edito da Giorgio Nada

Piccole e aggressive, nate sotto lo storico marchio dello Scorpione, icone dell'automobilismo sportivo nel cuore di tanti appassionati ma mai prima d'ora oggetto di sistematica trattazione storico-tecnica grazie al libro “Abarth Gran Turismo “da corsa” 1949-1971” (Giorgio Nada Editore) di cui è autore Renato Donati, un bolognese con origini vicentine a Valdagno (1941) dove è esplosa la sua giovanile passione mai spenta -oggi maturata in conoscenza storica- per le vetture Abarth, gioiellini di meccanica trasformista spinti a performances da competizione che rombavano su strade, piste e tornanti di tutta Italia: dai primi modelli sportivi del 1949, anno di costituzione ufficiale della società Abarth&C, fino al 1971 quando il marchio fondato da Carlo Abarth fu acquistato dalla Fiat. Oltre 200 pagine fitte di materiale inedito: grande spazio alla fotografia (dagli Archivi Actualfoto di Bologna, della Giorgio Nada Editore e dell'Autore stesso con la sua Ferrania d'epoca), memorie, dettagliate schede tecniche sulle principali evoluzioni estetiche e meccaniche, “senza mai ricorrere ad astrusi tecnicismi o ad asettiche costruzioni verbali”, interviste ad alcuni dei principali protagonisti. Tra gli ardimentosi piloti da tutta Italia figurano anche le glorie locali venete: i vicentini Suomi La Valle e Giorgio Danieli (conciatore di Arzignano) e Girolamo "Momo" dei conti Capra; tra i veronesi, Maurizio Pinchetti, Maurizio Polin e i fratelli Lado, Gianni “Matich” e Paolo (il rubacuori che faceva impazzire le ragazze) spesso a Vicenza da Jacopo “Pino” Trivellato, il preparatore delle loro auto da corsa, ma anche Gastone Zanarotti pilota non più giovanissimo già allora e vincitore assoluto di una “Coppa città di Asiago” (“il Costo”) con una Stanguellini junior, oltre a “Noris” Giacomo Moioli, grandissimo preparatore di Abarth di Vicenza, che perse la vita in una gara in salita. Erano tempi in cui correre voleva dire rischiare davvero anche per un semplice piazzamento. Il pauroso incidente mortale del mestrino Antonio “Nino” Crivellari a Monza conquistò la prima pagina della Domenica del Corriere nel disegno del famoso Walter Molino. “Opera unica nell'editoria automobilistica per ricchezza di informazioni e capacità di tenere insieme così tanti contributi da parte di chi ha pensato, disegnato, prodotto, e guidato queste piccole meraviglie verso successi agonistici e progettuali” scrive nella prefazione Roberto Giolito (direttore Divisione Heritage FCA Italy Torino) uno dei più autorevoli car-designer del mondo, Responsabile del Centro Stile Fiat. Donati vive a Bologna ma è nata a Valdagno la sua passione per le vetture dello Scorpione quando “abarthizzò” la sua tranquilla 500 Fiat gareggiando nei rally anche con vetture storiche fino all'acquisto della Abarth 595 SS “la mitica numero 5” che lo ha reso noto nel mondo degliappassionati. Già Ufficiale di gara all’autodromo di Imola, è studioso del Marchio di cui raccoglie documentazione e materiali; è in contatto con appassionati e collezionisti e referente, per le bicilindriche Abarth 595 e 695 (protagoniste del libro del 1999 di cui è stato coautore per la stessa casa editrice), del Registro Fiat Italiano Storico, del Fiat 500 Club Italia, del Registro Italiano Abarth Storico. • F.D.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Blog

Editoriale
I guai di Trump e i rischi con l’Iran
di di ALBERTO PASOLINI ZANELLI
18.06.2019
Editoriale
Europa e Usa Roma alla prova
di di CARLO PELANDA
17.06.2019
Il Corsivo
Equo canone
di di GIANCARLO MARINELLI
16.06.2019