20 ottobre 2020

Cultura

Chiudi

23.04.2017

BIMBO ROSA ORA BASTA
VERGOGNA

Camilla Vivian, 45 anni, fiorentina: è suo il primo blog  sul  gender fluid
Camilla Vivian, 45 anni, fiorentina: è suo il primo blog sul gender fluid

Camilla Vivian ha 45 anni, vive a Firenze, ha frequentato la scuola di interpreti, ma ha scelto la fotografia per molti anni come professione. Sarà uno degli speaker di “Vis-à-vision”, titolo della terza edizione di TEDxVicenza - il 6 maggio al Teatro comunale - che diventa luogo dove progettare nuovi orizzonti. La logica del cogliere l’attimo, del carpe diem, ma con l’obiettivo di costruire e realizzare un domani che parta dalla conoscenza per gettare ponti verso pensieri alternativi, teorie differenti. Vivian è invitata in quanto mamma: ha creato un blog anche con vari aneddoti per spiegare come suo figlio fin da piccolo preferiva il ciuccio rosa o giochi da bimba. Quella che si chiama in gergo fluidità di genere. E questa volta il focus non arriva dalle comunità Lgbt, ma dalle famiglie tradizionali dove qualche ruolo è cambiato, soprattutto quello delle madri che tendono la mano ad altri madri per capire, ma soprattutto per spiegare.

Ci spiega che cosa significa gender fluid?

La fluidità di genere consiste nel non riconoscersi esclusivamente nello stereotipo di genere a cui il nostro sesso biologico ci dice di appartenere. Purtroppo bisogna dare una definizione a tutto e se io potessi personalmente oggi dopo otto anni di studi in materia rinominare la fluidità di genere, la chiamerei semplicemente libertà di espressione.

L'esperienza vissuta l'ha in qualche modo costretta a cercare informazioni e anche ad informare. Quale è stata la molla per creare un blog: la rapidità nel passaggio delle informazioni, la fruizione?

Il blog è nato per trovare altre famiglie che vivessero la mia stessa esperienza e con le quali confrontarmi. Poiché credevo molto nelle mie convinzioni, cioè che non vi sia nulla di sbagliato nella diversità, anzi, e sopratutto poiché la mia famiglia ha un equilibrio molto stabile e delle fondamenta molto solide, sapevo che non avrebbe sofferto l'esposizione, ma anzi ne avrebbe solo potuto ricavare un beneficio. E il mio scopo è stato raggiunto. Oggi non siamo più soli.

Che cosa le chiedono?

Onestamente non mi fanno molte domande. Di solito mi contattano per ringraziarmi e per dirmi quanto bello sia non essere da soli. E io faccio altrettanto con loro. Poi rimaniamo in contatto e diventiamo amici. A volte, se hanno bisogno di supporto professionale, provo a dar loro una mano a trovare luogo e persona giusta cui rivolgersi.

Ci sono parole che sono entrate nel linguaggio - gender, omosessuale, etero, trans - ma a questo non corrisponde la cognizione di causa: che cosa serve?

Le parole gender, etero, trans non vogliono dire nulla. Gender cosa? Etero come in eterozigote? Eterogeneo? Onestamente non credo siano entrate nel dizionario. Forse in una forma “ignorante” di linguaggio parlato come chi chiama Israele IsDraele. Mi pare ovvio che serva quindi solo più informazione e fatta bene.

Lei ha scritto di bambini che scardinano il binario di genere: che cosa intende?

Per binario di genere si intende che da una parte abbiamo il maschio e dall'altra la femmina che viaggiano appunto su binari paralleli che non si incontrano mai. Quando hai a che fare con creature che fin dalla nascita non appartengono completamente né al mondo maschile né a quello femminile, capisci che tra il binario maschio e quello femmina esiste un'infinita scala di possibilità che la natura offre.

A scuola, nelle famiglie, che cosa accade visto che molti ruoli sono cambiati?

Io posso parlare per la mia esperienza personale. Non avendo mai fatto mistero riguardo ai gusti di mio figlio esattamente come non lo avrebbe fatto la madre di una bambina che fa il “maschiaccio”, mio figlio è stato sempre accolto con totale naturalezza.

Sotto il profilo legislativo che cosa servirebbe ?

Sono solo una mamma. Posso dire che cosa sarebbe servito a me: avere più informazione! La conoscenza è alla base di tutto ed è ciò che porta all'integrazione e alla formulazione di leggi per l'integrazione che mai come ora sono un passaggio fondamentale .

Sono trascorsi un po' di anni dalla sua scoperta, il suo diario multimediale prosegue: che cosa ci ha aggiunto e che cosa vorrebbe aggiungere?

Ho aperto il blog da otto mesi. Le cose da aggiungere sono infinite e quelle ancora da imparare pure. Non credo che arriverà mai il momento in cui nessuno di noi avrà finito di aggiungere informazioni su chi siamo e chi, via via, diventiamo.

Siamo davvero pronti per affrontare queste tematiche visto quello che ci accade attorno? Ogni diversità viene vista comunque come un ostacolo da qualunque parte la si veda.

Trovo grandissima accoglienza da tutti. Finora non mi sono mai dovuta scontrare con nessuno. Credo che le persone siano molto più pronte di quanto crediamo. Forse sono solo stata fortunata. Ma forse il mio banale esempio vuole solo dirci che c'è bisogno di figure positive e di esempi buoni. Di vedere che si può “osare” e non succede nulla. Che le cose di cui vergognarsi nella vita sono davvero altre. Come i veri problemi sono altri. Io, e i genitori come me, siamo fortunati ad avere dei figli sani che ci insegnano che cosa sia il coraggio e il rispetto e cosa conta nella vita.

Chiara Roverotto
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Blog

Editoriale
Politica in trincea Conte sale al Colle
di di FEDERICO GUIGLIA
16.02.2020
Il Corsivo
La giustizia prescritta
di di GIANCARLO MARINELLI
15.02.2020
Editoriale
Governo in crisi I rischi per il Paese
di di ALESSANDRO CORTI
15.02.2020