18 settembre 2019

Cultura

Chiudi

05.02.2019

Sarà l’anno del Maiale, un simbolo di generosità

Giovanni cinesi in costume precedono la Danza del Drago a Padova
Giovanni cinesi in costume precedono la Danza del Drago a Padova

L’Istituto Confucio con l’Università di Padova festeggia il Capodanno Cinese a Padova, occasione per conoscere meglio la cultura cinese come spiegano i direttori dell’Istituto Giorgio Picci e Michael Yang. Il Capodanno lunare detto anche Festa di Primavera, cade oggi, 5 febbraio, ed è una delle più importanti festività tradizionali cinesi e di tutto l’Estremo Oriente. In Cina si festeggia l'anno nuovo con canti, strepitii e l'uso massiccio del colore rosso. Basata su un’antica leggenda, è rimasta nel rituale della celebrazione la famosa Danza del Drago e dei leoni, una parata a ritmo battente di tamburi e cimbali, che sfila per le strade per spaventare il mostro Nian e invocare i benigni draghi cinesi, capaci di assicurare l'arrivo della fortuna. In ossequio ai dettami dell'astrologia cinese, ogni anno viene contrassegnato da un segno animale tra i dodici prescelti dal Buddha secondo un'antica leggenda e da un elemento guida (acqua, fuoco, aria, terra, metallo). Ogni anno è correlato ad un singolo animale che ritorna seguendo cicli di 12 anni. Il Maiale, animale simbolo del Capodanno 2019, è il dodicesimo animale dello Zodiaco ed è simbolo di grande generosità e determinazione. Oggi l’Istituto Confucio all’Università di Padova in collaborazione con l’Istituto gemello di Venezia, organizzerà, all’aeroporto Marco Polo di Venezia, dal mattino alla sera alcuni eventi culturali e folkloristici per intrattenere i viaggiatori rivolti in particolare a quelli in transito da e per la Cina. Saranno presenti anche il Maestro Li Shaowu specializzato in calligrafia cinese e il Maestro Zhou Shuying, fra gli artisti più importanti di paper cutting, le cui opere sono conservate in diversi musei del mondo. Adriano Madaro, giornalista e sinologo, a Padova terrà una conferenza su un tema “Segreti da svelare dell’archeologia cinese” in Sala Paladin a Palazzo Moroni venerdì 8 febbraio, alle 17.30, ingresso libero. Soprattutto dopo la clamorosa scoperta dell'esercito di terracotta di Xian, in Cina c’è stato un rifiorire di interesse per l'archeologia che si è arricchita di una quantità infinita di reperti provenienti anche da scoperte occasionali legate allo sviluppo delle città. Màdaro racconterà i momenti salienti delle maggiori scoperte archeologiche avvenute in Cina negli ultimi decenni e illustrerà in anteprima i rinvenimenti tuttora in corso: tra questi, i siti misteriosi delle mummie del Xinjiang conservate intatte, con le loro suppellettili, per 4 mila anni. Oltre all’evento culturale di venerdì, sabato 9 alle 15 davanti a Palazzo Moroni partirà un corteo per la Danza del Drago e la Danza dei Leoni per compiere il percorso ad anello attraverso via Santa Lucia, Piazza dei Signori, via Manin e via VII febbraio per ritornare davanti a Palazzo Moroni dove il pubblico potrà godere i virtuosistici spettacoli funambolici della scuola di arti marziali Weisong del maestro Yu Wei. A Venezia dalle 16 di domenica 10, al patronato della Parrocchia della Resurrezione a Marghera, festa con cucina, musica ed arte cinese. •

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Blog

Editoriale
Renzi battezza la scissione nel Pd
di di FEDERICO GUIGLIA
17.09.2019
Editoriale
La battaglia sul deficit
di di CARLO PELANDA
16.09.2019
Editoriale
Solo la crescita salverà il Conte bis
di di IVANO TOLETTINI
15.09.2019