15 agosto 2020

Speciali

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Il fatto

10.05.2010

Assalto e rappresaglia

Fondi di Treschè
Fondi di Treschè

L’incauto assalto del 27 aprile 1945 ad una colonna di tedeschi in ritirata, ai Fondi di Treschè Conca, causò la peggior rappresaglia alla popolazione civile sull’altopiano di Asiago. Otto furono i partigiani, armi in pugno, che perirono nel conflitto, due civili innocenti, Gejo Pellarin e la figlia Irma, vennero brutalmente uccisi nella prima casa rastrellata. Dieci ostaggi vennero prelevati dalle altre case e fucilati, tre erano locali, gli altri, per la gran parte estranei alla resistenza e già vittime del tragico esodo dalle terre Istro-Dalmate. I parenti ed i testimoni diretti ci hanno fornito documenti e testimonianze, era doveroso elencare i nomi delle vittime: nel cippo dei Cavrari (Treschè Casuna), eretto nel 1979 sul luogo dell’esecuzione, non figurano i loro nominativi.

Testi e foto di Giorgio Spiller

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1