19 settembre 2020

Speciali

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

I testimoni

17.05.2010

Rosi Pellarin

Rosi Pellarin (classe 1930), con la sorella Irma (1926) e Giovannina (1933), assistette allo scatenarsi della tragedia; a fianco della sua casa, dietro alle laste della stradina che conduce ai Lughetti, venne sbaragliato il gruppo di partigiani che aveva innescato la tragedia, aggredendo la colonna di tedeschi in transito. Tra i tedeschi ci furono morti e feriti. Immediatamente i tedeschi circondarono la loro casa, uccidendo brutalmente, sotto i loro occhi il padre, Gejo Pellarin Capelan; Irma tenta la fuga dalla finestra ma viene uccisa. … xe vignesti su da Cogollo, ‘sti bociasse, co le palatole in scarsela, sti tosati; sete, oto partigiani, i se gavea postà là sulla strada de laste, me sorela Irma alle quattro la ga fato el caffè; “Rosi”, la ga dito, “mi ‘deso vago su portarghe el cafè, sucarà e tuto”, “che de gusto che i lo ga bevuo!”. Dopo un’ora no ghe jera pì ne me sorella e gnanca luri! Mi son qua par miracolo, anca quela dell’Australia (Giovannina). Me pupà i lo ga copà come un can drio casa soto i me oci, ghe jera un odore…le bombe, no respiravimo pì, tuti rento in casa, soto el fusile parchè i gavea catà dele palatole ‘n tel granaro, va là,va là! Tuto un colpo vedo me sorella che la scapa, la verze ‘na finestra, l’unica che se podea verzare par de drio, che me pupà la usava par portar rento le patate. La verde el ciodo, la salta, la resta cussì, insima la finestra, (appoggia la scarpa rovesciata sulla rete dell’orto a simulare la posizione rovesciata mezza dentro e mezza fuori della sorella). Me pupà el gavea su un paro de scarponi che jera una settimana che’l se li gavea fato fare, portà via anca quei; el scarparo dai Forni, dopo, l’è vignù su dal Rapàro che’l vansava i schei; “Fame ‘na carità, ghe go dito”. Me pupà jera zo in Valdassa soto Sculazzon, el vivea là coi partigiani, quel giorno l’era ‘pena rivà; el giorno ‘vanti i partigiani ghea copà un cavalo (anche il cavaliere tedesco), i se ga spartio la carne, lassù el gavea ‘na pignata che bojea, no la ga ciapà gnanca ‘na palatola! (Quel giorno in molte case di Treschè si cucinò cavallo). El Giacomo Posseta, vecio ombrelaro, el stava sol cason, “Mi i dovea coparme! no to sorella, mi i dovea coparme!…”, el sevitava a dire. El se ga salvà drio la porta; con la sciabola i xe ‘na rento tre volte par la porta, lu fermo, el xera anca sordo, no i lo ga gnanca ciapà, la porta xe sta qua par ricordo. Qua ghe jera altra jente quel giorno, sete, oto persone tute in fila; a l’Elio Nadale (1929), i ghe ga sparà su una gamba, lì davanti, sensa motivo, no’l capiva el tedesco . Me go trovà mi mi sola quel giorno; vedelo la? me pupà gavea fato un cesso co le tole; dopo un’ora me salta fora me sorella Giovanina, tuto el tempo rento là, i podea mitraliarla! Par farla finìa, jerimo za orfane de mama, ghe volea anca che i copasse la Irma, che ne fazea de mama, me diga lu?

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1