19 settembre 2020

Speciali

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

I testimoni

10.05.2010

Ines e Ondina Panozzo "Lughette"

Ines Panozzo
Ines Panozzo

Ines (1921) e Ondina(1939), abitavano nella casa vicina ai Ceci, persero il padre Giovanni fu Sabino Panozzo e lo zio Giovanni Giobatta Panozzo …"Jerimo in oto in casa, i tedeschi xe vignù rento che no te capivi gnente, belo! dare mangiare partigiani! dare mangiare partigiani! I mii no jera partigiani, me pupà, parchè no’l ‘ndasse coi partigiani, a me fradelo del ’25 el ghe ga fato un buso in t’un camin vecio; quando che ghe jera le patuglie, el lo metea rento là come un salado. Go ciapà l’Ondina in brazo e me go sentà davanti la portesina che dalla cusina ‘ndava rento in stala, gavemo cuerto sta porta e no i se ga gnanca acorti, luri ‘ndava vanti indrio sercando armi. Rento in stala che jera du me fradei butai zo in ‘tela gripia delle vache. De là, stava me zio, vedovo senza fiui, se’l stazea rento co la vaca! invese, curioso, el ga vosudo ‘ndar fora a portar el luame, e la i lo ga brincà, el gavea pì de settantani. Me mama ghe xe ‘ndà drio un toco, piansendo e sigando, se non la tornava indrio i copava anca ela; A son nà do a vedare, su par la corte dele bocie, i li ga copà in medo alle priete: uno qua, l’altro là, piovea che Dio la mandava! El primo che go trovà, el Mario Giacinto senza ‘na man".

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1