19 settembre 2020

Speciali

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

I testimoni

10.05.2010

Gianna Faggion

Testimonianza di Gianna Faggion (1932), nata in Villa Rossi dove la mamma era la custode e il padre faceva il cantoniere, stradino del Costo. "Xero in villa dove ghe xera el comando tedesco. Ma el 27 aprile del 1945 i tedeschi xera ‘ndà via e xera restà qualche impiegato italiano che lavorava con la Todt. Co xe passà la colonna semo ‘ndai scondarse soto nelle cantine. Due impiegati xera sta là par far da interpreti se vigneva i tedeschi, tuti i altri de fameja sconti in cantina, me papà e altri impiegati. Co xe rivà i tedeschi lori ghe ga spiegà tuto, i xe vignù zo e li go sentii pasar davanti la porta e i xe tornà su, i due impiegati, uno zovane, i li ga portà lassù sul Joch e i ghe ga sparà. I morti in combattimento, drio le laste dei Lughetti, i li ga portà tuti in villa sui tavoli dove se magnava. Nantri putei no ghemo visto gnente parchè i ne ga carga co i materassi e i ne ga portà zo dai Capelani, davanti la bottega del Guerin, dove ghemo allogià qualche giorno".

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1