19 aprile 2019

Speciali

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Election Day

15.05.2009

E il cittadino sogna più fatti e meno litigi


 I cittadini chiedono alla politica più servizi e meno polemiche. ARCHIVIO
I cittadini chiedono alla politica più servizi e meno polemiche. ARCHIVIO

La strada da sistemare, il tetto della scuola colabrodo, il servizio sociale che c'è, ma che potrebbe essere migliorato. E poi ancora la piscina o il campo sportivo da sistemare. Cosa chiedono i cittadini al futuro sindaco? Prima di tutto di essere concreti. Il dato emerge con forza dal 42esimo rapporto annuale effettuato dal Censis sulla situazione sociale del Paese.
Secondo l'analisi, uno dei fattori che più ha inciso sulla scelta elettorale nell'ultima tornata, le politiche dello scorso anno, è stata la volontà di ridurre la litigiosità della politica e le divisioni che impediscono a chi vince di governare e di decidere (per il 27,4%). Perché il senso dell'importanza del ruolo dell'assessore c'è. E lo dimostra un altro dato. Cresce al 24,1% la quota di chi vuole dare più potere agli enti locali, in primis, i Comuni, passando dal 22,1% del 2006 al 24,1% del 2008 (nel 2001 il dato era al 27,7%). Una fotografia che mette in risalto come gli italiani e anche i vicentini, che a breve saranno nuovamente chiamati al voto, abbiano voglia di concretezza. E aumentano anche i giovani che sembrano intenzionati a impegnarsi attivamente, almeno stando ai dati raccolti da Swg per la Fondazione Cittalia, durante la prima assemblea nazionale Anci Giovane (Associazione italiana Comuni italiani), su un campione di 1074 italiani maggiorenni al di sotto dei 35 anni.


L'86% si dice pronto a impegnarsi in prima persona per un cambiamento politico che porti miglioramenti alla società. Come? Per il 49% la strada giusta è l'attività politica. E pare esserci rinnovata fiducia anche verso l'Europa vista come occasione di crescita per il Paese. Il futuro? Stando all'indagine, i giovani vorrebbero un paese multietnico e multiculturale, anche se la preoccupazione di 8 giovani su 10 riguarda la precarietà del lavoro e il basso livello di salari.

Cristina Giacomuzzo

Cristina Giacomuzzo
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1