11 luglio 2020

Speciali

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Le testimonianze

06.09.2010

Il racconto di chi c'era

Case bruciate nella parte bassa del paese
Case bruciate nella parte bassa del paese

Nel sinistro rito di una rappresaglia, perché di un vero rituale si tratta da qualsiasi parte provenga, esiste un’unica logica, quella di terrorizzare.
La prima fu la casa degli Spiller Ton. Maria (1925) cercò di pararsi difronte al gruppo di incendiari, ma a nulla valse:
“in prevision che i gavesse bruzà el paese ghevimo usà i sachi de patate, de l’avena e de l’orzo par metar rento tuta la biancheria. Invesse quel jorno ghemo doparà i sachi par mazenar el tzorgo con la grande trebbia do dai Tura… rivemo su davanti casa mia, me pupà el fazeva el stradin, i ghe ga tira via el capelo da stradin disendoghe che no’l serviva a gnente.”

Poi gli incendiari scesero direttamente per gli orti e raggiunsero la piazza dell’attuale asilo, dove c’è tuttora il grande casamento degli Ambrosini Campanari, la famiglia di Pierina, dei Tura, dei Conche, gli Ostarei e le delle Ise. Lì, a baluardo delle prime case della contrada, trovano la Neleta Campanara e soprattutto la Barbara, la zia di Pierina che era costretta al ruolo ferreo del maschio.
Don Gianfranco Campanaro (1931):
“I xe vignù rento e su la tola i ga messo le fassine, me zia Barbara ga tirà fora le carte; “mio fratello è nella forestale, mio nipote in Germania…via!”
Quando i xe ‘ndà da me zia Nela, la ga ciapà la pipa in man e, puntandoghela contro come ‘na pistola, la ghe ga dito; “ve fora parchè ve stramaledisso, ve copo”. I xe ‘ndà de drio dai Tura e là i ga da fogo alle stale che le jera tacae co le nostre.”
Dai Tura erano andati più volte per catturare Antonio (1920), reduce dai Balcani
Bruna Tura (1933):
“naltri ghemo molà le vache fora dalla stala, el Toni xe rivà de note che gierimo là che pianzevimo…el barco ‘ncora che’l brusava. Dalla camara nostra delle tose, gavevimo la rabalsa che portava in granaro, ghevimo su foja, roba cussì. Quando che i rivava, el Toni e l’Armando i se scondea lassù.
Mi co vedo fogo, go davanti co i ga brusà el barco, son sta talmente spaventa…”


I barchi erano tutti di legno e andarono facilmente in fumo come la stalla di Neleta, dei Campanari e dei Tura. Grazie all’opera di Barbara il grande casamento si salvò, non si salvarono invece i vestiti e la biancheria che erano stati trasferiti per maggior sicurezza nella stalla.
Pierina da quel momento non riesce più a tener conto di tutte la case e i fienili bruciati. Le squadre di incendiari si erano divise in più gruppi ed i fuochi si accendevano contemporaneamente in diversi punti del paese. La zia, pur con tutto quello che aveva da fare, non si scordò della nipotina, di lì a poco mandò sù ai Gardelini Toni Conca con due panini di soppressa; le fette erano di un spessore tale che la piccola non ne aveva mai visto di simili.

Contemporaneamente bruciarono le case dei Valente Cruziati, Antonio, ora negozio di frutta e verdura, Giacomo e Guglielmo.
Anche lì erano andati più volte per catturare Arturo Cruziato, il capo partigiano Mica. Quel giorno si salvò, nascondendosi tra i fagioli dell’orto, e poi salì in Malga del Gallo a portare la notizia ai compagni. Un’altra volta si era salvato rocambolescamente, nascondendosi nella casa dei Palta, lì vicino; il tedesco, durante l’ispezione, lo vide sotto un tavolo in soffitta e fece finta di niente; poi, uscendo dalla casa con aria di complicità disse di aver visto un grosso topo sotto il tavolo.
Giuseppe Valente Cruziato (1928-2009), figlio di Giacomo:
“I xe rivà a medojorno che gavevimo pena magnà “buttate fuori dalle finestra quello che vi interessa di più e poi fuori, perché diamo fuoco”. I tirava rento le bale de paja là dei Campanari e i ghe dava fogo. Son ’ndà in granaro e, go butà zo la roba dal finestrin; co me giro vedo el fumo che vien su”.
La squadra che si era diretta a bruciare la parte alta del paese, oltre la chiesa, si trovò un’altra donna energica, la Mitzi, un’austriaca maritata ad uno Sterchele che con la lingua materna riuscì ad allontanare i soldati
Edo Valente Gianela (1938):
“la Mitzi Koban ga salvà la nostra casa, gavevimo za tirà fora la roba, i materassi sul campo davanti. I gaveva za trato rento la paja su par i coridoi e zo par la cantina, me zio Giovanni xe ‘ndà zo ciamarla “Mitzi, Mitzi vien su che i ne brusa!”

Gli incendiari si diressero allora verso le case sotto la chiesa e ne bruciarono tre; quelle dei Valente Paciunci e dei Valente Berti, addossate una all’altra e l’osteria dei Frigo Marol, proprio sotto il campanile.
Angelina Paciuncia (1913) abitava a Canove
“ghemo sentio “i ga da fogo a Cesuna!”.
Son ‘ndà fora su la strada a vedare, alora no ghe jera piante, i dizea che i gavea da fogo dalla cieza in zo. Alora, ciapà la bicicletta, son ‘ndà fora pal bosco, mi mi sola, gnanca un can.
Son rivà che i pompieri giera drio smorzare.
Ghe giera fora anca el vecio fabro che giera fontaniere, i ga fato ‘na caena coi tzeci, su par la scala, più acqua se trava su, più la casa ardea.
La sera semo ‘ndai a dormire in una caseta al de là de la ceza, i mii, ga alogià la fin che i se ga fato su la casa.
I jera vignù rento par la porta “fora, parchè qua ghe demo fogo!”. Me fradel Gusto xe scapà a scondarse in medo al fen, gavevimo anca ‘na cisterna granda, dove me fradelo se scondea.
Me mama ze ‘ndà la “vien do, parchè ‘deso i da fogo anca al barco”. E lora lu e me mama i ga ciapà la fornela granda e i la ga tirà fora in corte”.

La casa dei Paciunci è più scostata rispetto alla strada, mentre quella dei Valente Berti si affaccia sulla piazza della chiesa. Era la casa della Catina, moglie del podestà Piero Spiller Nando, a quel tempo impegnata a dirigere l’albergo “Al Sole” del marito.
Le figlie Ileana (1931) e Franca (1932), ci raccontano.
Franca: “jerimo in albergo con la mamma, i maschi tutti via, Costantino considerà disperso, i dispersi jera considerà morti, Fernando in prigionia in Germania, l’Armando guardia forestale in ufficio a Padova, el papà a Vicenza per pratiche comunali.
Vedemo el fumo che vien fora dalla casa della Jolanda, dopo dalla casa dei Mosa, allora gavemo portà fora un materasso e un gran vaso de vero pien de tzucaro, de drio casa nel prà dei Ostarei. Dopo no gavevimo più forza, jerimo do tesete, alora me mama ga dito “asemo qua tuto”, rassegnazione totale. Me mama la ga cominzià a tremare batendo i denti, piega a metà”.
Ileana: “vien zo el Marol a dir che lassù la casa de me mama brucava”.
Franca: “me papà la gaveva afità a una fameja de Vicenza, che se gavea portà anca i mobili par salvarli dai bombardamenti.”
Ileana: “tre russi gavea portà soto scala le fassine e i ghe ga dà fogo, mi son saltà sora con i pìe e smorzavo tzigando “no bruzare, no bruzare!” I ga da fogo ‘nantra volta e mi sora de novo e lori xe ‘ndà via. Però ga ciapà fogo de novo a causa della casa della Paciuncia, col cuerto de quela ga ciapà questa.
El Bertillo Kel e l’Orlando Sterchele me portava le secie de l’acqua e mi su par la scala le butavo.
Ga brusà el cuerto e un po’ le camare.”
Franca: “dopo, i russi, par ‘jutare, i butava zo i mobili dalla finestra, una specchiera! alora cosa te me iuti! dopo i ga bruzà quela del Marol.”


L’osteria dei Frigo Marol sotto il campanile venne bruciata utilizzando la biancheria stesa ad asciugare. Guerrino Frigo Bijoto, laureando in medicina, fotografò la casa dopo lo spegnimento.

Bepi Frigo Marol (1925) era stato arrestato sul Jekle il mattino assieme a Rino Kel; essi passarono per il paese sul camion per essere condotti a Tiene:
“davanti all’albergo Lemerle vedo don Guzzo che ‘l protesta… i ghe ga molà un pugno sul muso che ‘l se ga voltà indrio! più sora, in piazza, vedo el Toni Longo che vien fora dai barchi che xe drio brusare metendo in salvo ‘na stangheta de saladi…vedo anca el Gigio Busia che vien do dai prà con le piegore par metarle in salvo…co semo pasai davanti casa mia vedo le fiame che riva fin metà campanile, oto jorni de prejon, go fato!”

La casa dei Valente Bajiji, ora Dalla Vecchia, difronte alle scuole, si può dire che fu bruciata con un pretesto plausibile.
Alla richiesta se aveva un figlio partigiano, la risposta immediata della madre fu: “uno? du a ghi’n go!”. Wilma, figlia di Anna e di Angelo Dalla Costa Bajiji, l’ultimo dei recuperanti di Cesuna, ci racconta che la mamma faceva la staffetta per i fratelli partigiani, Erio e Tramquillo:
“me mama la se portava drio el Giovanin della Carolina e, fazendo finta de ‘ndar tore el late la ghe portava da magnar de scondon in bosco a me zii. In seguito venne riconosciuta come staffetta partigiana.
Quando i ze vignù a brucare, me mama giera a Asiago dal dentista con la Gianna Paciuncia. Co le riva le vede fumo, ‘lora le core casa e le trova me nono co me nona là sul campo con ‘na pignata de fazoi e el panaro de la polenta. Me mama la va su ‘ntel granaro e la buta zo almanco le calze par i tusi e le strazze.
Durante el recente restauro ghemo tirà via le maestà e ghemo trovà i matoni brustolà.
Qua soto ghe ze ‘ncora el pozzo dove me zii se scondea.
Dopo la guera par lori no ghe giera lavoro, i ga fato domanda dai forestai, gnente, ghe ga tocà ‘ndar in Australia.”

Più sotto bruciarono anche la casa dei coniugi Scrick, anzini che vivevano soli.

Scostata dal centro, sulla strada per Magnaboschi, proprio sotto Villa Tabor, c’era la casa di Angelo Sterchele Paciuco, medaglia di bronzo sul Piave nella I Guerra, mentre il fratello Emilio aveva meritato la medaglia d’argento sul Grappa. La casa era chiamata casa della Jolanda dal nome della moglie. Ci racconta la figlia Lidia (1934):
“xe rivà i fascisti e i tedeschi, insieme con un ufficiale russo con un can bianco.
I gaveva qualche sospetto su me pupà che’l gavesse relazion con i partigiani. A me mama i ghe ga dito che se la ghe dizeva dove che jera i partigiani no i ghe gavaria bruzà la casa.
Me mama la ghe ga dito che no la saveva e se anca la gavesse savudo no la ghe gavarìa fato la spia. Allora i ga ciapà me pupà par portarlo via, in quel momento passava el Toni Kel, che’l parlava un po’ de tedesco e el ghe ga dito che’l jera ‘na brava persona e ‘lora i lo ga lassà ‘ndare.
Nel frattempo i ga bruzà la casa e, quando i xe ‘ndà via, xe sta me mama con i tzeci de acqua che la ga smorzà l’incendio.
Me pupà el dizea “lassa stare che se i torna indrio i ne copa”. Ma me mama giera una dona energica e la ga smorzà tuto salvando la casa, anca se xe restà dei danni in tute le stanze.
Purtroppo i ne ga robà tuti i schei e l’oro de me mama che me pupà gaveva in una cassetta.
Me mama ghe ga dito “va bene che avete avuto l’ordine di bruciare, ma non avete avuto l’ordine di rubare!” No gavevimo gnanca i schei par el pan del giorno dopo!”

Su una casetta nel centro del paese, di fronte alla piazza alberata, è stata murata una lapide che ricorda la rappresaglia. Allora metà casa era abitata dalla famiglia di Valerio Pannilunghi, el Toscanin, con negozio di frutta e verdura. A fianco stavano i proprietari Mosa-Rostan che tenevano anch’essi una bottega di verdura.
Il figlio di Valerio, Solidio (1922), al ritorno dal fronte francese si diede alla macchia con altri paesani col nome di battaglia di Solido:
“la casa i la ga bruzà par colpa mia, jero partigian. El Rostan jera de idee contrarie alle mie, ma i la ga brusà lo stesso. Me pupà soto el gavea scavà ‘na caneveta, con un legnaro e ‘na nichia par poder ‘ndar rento. ‘Na volta i xe ‘ndà a tzercar me pupà, ma non i se ga acorti che l’era drio el legnaro, ‘lora i ga portà via me mama Meneghina insieme con me zia Catinella.
Dopo, co mancava pochi mesi alla fine della guerra, i me ga ciapà e i me ga torturà con le scosse elettriche so le rece.
I gavea trovà un cifrario coi nomi zo al comando partigiano del Dosso della Conca.”

Gino Valente Rodelo stava in contrada Spini oltre la strada. Il figlio Vittorio Poi (1921), reduce dalla campagna di Grecia, Montenegro e Francia, anche lui con i partigiani con il nome di battaglia di Táffari ed il compito di cuoco. Anche Vittorio assieme a Solidio, Guido e Angelo Carpane fu catturato qualche mese prima e torturato con scosse elettriche alle orecchie:
“quando che i ga bruzà el paese giero sul monte Cengio che fazevo el cogo, semo vignù zo par la Conca Bassa e par la Volta Scura, semo vignù qua da drio el Paradiso, dove i me ga fermà e i me ga dito che i me gavea bruzà la casa. Là ghe jera me pupà che’l ga fato ‘pena in tempo de butar fora la stua par la finestra. “

Decimo Valente Rodelo,
era prigioniero in Germania; la moglie Maria, Marischi Caeta (1915), era a casa da sola con i due figli, Egle di quattro anni e Nico di sette, che ci racconta:
“te posso garantire che me ricordo tuto come ‘desso, parchè xe sta un trauma…(si blocca dall’emozione, siamo all’interno dello stesso edificio che venne bruciato)...
semo qua, mi, me mama e me sorela. I vien rento con violenza: “tempo dieci minuti, bruciare casa!” e i xè ‘ndà via.
Alora me mama, cossa gala fato? Omeni non ghi’n giera, la ga raccolto quel po’ che la podea e la ga meso tuto sul campo, careghe, tole…dopo la ga ciapà mi e me sorela e la ne ga portà in Valle da ‘na me zia.
Dopo dieze minuti i xè rivà puntuali a bruzare, da là vedevo le fiamme della casa.
Co son vignù su…(commozione) da qua (cucina piano terra) te vedevi el cielo. Dopo i ga bruzà anca el fienile dove ‘deso ghe zè la casa nova, xe sta un miracolo che no i se ga acorti che me pupà gavea sconto rento le cartuce co la sciopa. Me mama pensava che le scopiasse, ‘lora i la gavaria copà. Varda, no ga fato puf! Ga bruzà la sciopa e tute la cartuce senza fare rumore.
Quando me pupà zè vignù casa dala prigionia el ga dito “ go sofferto tanto in prigionia e me trovo la casa bruzà”
Quando ghemo tirà via le arele che me pupà gavea messo, soto ghemo trovà ancora tuto el nero.

Subito dopo venne bruciata anche la casa confinante degli Zovi Fefi, Ernesto handicappato e Mattia.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1