31 marzo 2020

Aree Tematiche

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Finestra sul mondo

25.03.2020

Coronavirus, contagiato il principe Carlo

Il principe Carlo
Il principe Carlo

Il principe Carlo, 72 anni, erede al trono britannico della regina Elisabetta, è risultato positivo al test del coronavirus. Lo rende noto Buckingham Palace. Carlo era in isolamento in Scozia da alcuni giorni.

 

Secondo quanto precisato da una dichiarazione diffusa da un portavoce dalla sua residenza ufficiale londinese di Clarence House, il principe di Galles manifesta al momento sintomi lievi e «per il resto è in buona salute». Le sue condizioni non destano dunque allarme, secondo il portavoce. La sua consorte Camilla, duchessa di Cornovaglia, è stata pure testata e non risulta aver contratto il virus. Al momento la coppia resta in auto-isolamento nel castello scozzese di Balmoral e viene esclusa la necessità di un trasferimento in ospedale. «Non è stato ancora possibile - ha riferito il portavoce citando fonti mediche - accertare da chi il principe abbia preso il virus».

 

BUCKINGHAM PALACE: «LA REGINA STA BENE»

Elisabetta II sta bene. Lo assicura una portavoce di Buckingham Palace dopo la notizia del contagio da coronavirus dell’erede al trono, il suo primogenito Carlo.

«Sua Maestà la Regina è in buona salute», conferma la portavoce, ribadendo quanto già riferito dallo staff di Carlo secondo cui l’ultimo contatto diretto fra madre e figlio è stato «un breve incontro la mattina del 12 marzo» dopo una cerimonia d’investitura per la consegna di alcune onorificenze. Al
momento, secondo Buckingham Palace, la sovrana - che il mese prossimo compirà 94 anni - «sta seguendo ogni consiglio adeguato» dei medici a tutela del «proprio benessere». 

I medici di corte britannici escludono che il principe Carlo, testato positivo al
coronavirus, possa essere stato contagioso prima del 13 marzo.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1