09 agosto 2020

Aree Tematiche

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Finestra sul mondo

31.05.2020

Clint Eastwood, la leggenda di Hollywood compie 90 anni

Clint Eastwood, la leggenda di Hollywood compie 90 anni
Clint Eastwood, la leggenda di Hollywood compie 90 anni

Compie 90 anni oggi, 31 maggio, una vera e propria leggenda di Hollywood: Clint Eastwood. Attore, regista e produttore, nella sua lunghissima carriera ha diretto circa quaranta film, molti più quelli dove ha interpretato personaggi spesso (almeno nella parte iniziale della carriera) cattivi.
Nato in California, entra nel mondo del cinema dopo il servizio militare. Le prime parti più importati sono quelle nel cinema western che gli serviranno a farsi conoscere da Sergio Leone che lo vorrà con se nella cosiddetta «trilogia del dollaro». Dapprima sarà in un «Per un pugno di dollari», poi sarà la volta di «Per qualche dollaro in più» e infine un ruolo in «Il buono, il brutto e il cattivo».

 

Dopo la parentesi europea arriveranno gli anni del successo, gli anni dell’Ispettore Callaghan ma anche di film divenuti cult come «Fuga da Alcatraz». Intanto nel 1971 alterna alla carriera di attore quella di regista: firmerà in quegli anni titoli come «Brivido nella notte», «Lo straniero senza nome», «Assassinio sull’Eiger», «Il texano dagli occhi di ghiaccio», «Firefox- Volpe di ghiaccio».

 

Ottime le prove dietro la macchina dimostrate soprattutto negli anni successivi con pellicole come «I ponti di Madison County», «Potere assoluto», «Fino a prova contraria», «Space Cawboys», «Mystic River», «MIllion dollar baby», «Gran Torino», «Invictus», «American sniper», «Sully». Da produttore ha prodotto quasi 40 film ed in più ha curato le musiche di molti suoi film. Una carriera prolifica premiata da numerosi premi. Ha vinto due volte il Premio Oscar per la miglior regia, uno alla memoria Irving G. Thalberg e due come miglior film, 1 Premio Cèsar, 6 Golden Globe e 4 David di Donatello. Il suo ultimo film, «Richard Jewell» (2019), narra la vera storia di una guardia di sicurezza che evitò l’esplosione di una bomba durante le olimpiadi di Atlanta nel 1996, ma fu sospettato dall’FBI come presunto terrorista e fu diffamato dalla stampa e dall’opinione pubblica, fatti che cambiarono per sempre la sua vita professionale e privata.

 

Oltre che per l’impegno artistico Clint Eastwood è noto anche per un certo attivismo politico. Nonostante le sue idee progressiste sui temi etici, è iscritto tra le liste degli elettori
repubblicani, sostenendo negli anni 70 la candidatura di Nixon. È anche vero che se alle Presidenziali ha sempre votato per candidati repubblicani, non ha mai fatto mistero di avere sostenuto, in occasioni di elezioni in California, candidati
democratici.
 

 

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1