24 aprile 2019

Aree Tematiche

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Messaggi ricevuti

17.07.2009

L'Agosto degli emigranti
A migliaia
nel Vicentino

Un gruppo di emigranti tornati a Vicenza col presidente Sbalchiero
Un gruppo di emigranti tornati a Vicenza col presidente Sbalchiero

Agosto è il mese degli emigranti. Tradizionalmente il momento dei ritorni nei borghi natali, ma anche una occasione di festa e per fare il punto sulle relazioni tra chi è partito tanti anni fa, chi resta e chi vorrebbe rientrare. Ovvero l'emigrazione di ieri e di oggi. Ci sono almeno tre appuntamenti importanti all'orizzonte e tutti e tre organizzati e coordinati dall'Ente vicentini nel mondo, l'ultimo dei quali con la Regione Veneto.

Sabato 1 agosto a Lusiana si terrà la 41° giornata dell'emigrante che quest'anno prevede un convegno pomeridiano al Palazzon, cui parteciperà il direttore dell'edizione italiana per l'estero del mensile "Il Messaggero di Sant'Antonio", padre Luciano Segafreddo, il cui nonno era di Gallio: si parlerà dell'identità italiana all'estero, che viene coltivata dai circoli di veneti e vicentini con ogni mezzo, non escluso anche il mensile che viene inviato agli emigranti in 50 mila copie.
Dopo il convegno verrà celebrata una messa alla chiesetta di S.Maria degli Emigranti a Velo di Lusiana.

L'Ente vicentini nel mondo in questa occasione assegna ogni anno la targa d'oro a persone o enti che abbiamo contributo al successo dell'emigrazione vicentina all'estero: per il 2009 è stato scelto il fisico ed imprenditore vicentino Federico Faggin, ex allievo dell'istituto Rossi che ha fatto strada nel mondo grazie agli studie al brevetto del microprocessore, fondando aziende società nella Silicon Valley. La premiazione avverrà a Lusiana o più probabilmente il 30 agosto alla Giornata dei Veneti nel mondo.

Il giorno dopo, domenica 2 agosto, si terrà l'11° festa itinerante dell'emigrante a Bolzano Vicentino: un grande raduno di emigranti ed ex emigranti dell'area est del Vicentino. Al mattino verrà celebrata una messa, seguita da una cerimonia al monumento ai caduti; dopo il pranzo allestito dalla Pro loco a Crosara, interverrà la corale Zanella di Cavazzale ,la consegna dei riconoscimenti e la sfilata di 200 figuranti per la rievocazione del matrimonio Pagello-Chiericati con partenza da villa Terreran fino alla chiesetta di S.Fermo e Rustico. Alla conclusione sbandieratori, falconieri e giocolieri.

Il 30 agosto l'evento più impegnativo: la seconda giornata dei Veneti nel Mondo, voluta dall'assessore regionale ai flussi migratorio Oscar De Bona e approvata dal Consiglio regionale lo scorso anno.
Dopo Feltre e Pedavena, che l'hanno ospitata nel 2008, ecco l'Altopiano di Asiago a fare da quinta all'arrivo di centinaia di emigranti che la sera del 29 agosto saranno in piazza ad ascoltare un coro bellunese e ad assaggiare formaggi tipici; il giorno dopo al mattino seguiranno lo spettacolo del gruppo "Arti per via" di Bassano, e nel pomeriggio alle 14 saranno al centro congressi Millepini per i saluti delle autorità. Oltre all'assessore De Bona, intervverranno il presidente della provincia Schneck, il presidente della Comunità Montana Bortoli e il presidente dell'Ente vicentini Sbalchiero. Verrà consegnato il bronzo dell'emigrante in ricordo dello scrittore Mario Rigoni Stern, prima della sfilata in centro e della messa all'Ossario.

Dal 4 al 16 agosto, poi, missione vicentina in Australia per il 25° del circolo vicentini di Melbourne: con il presidente dell'ente Giuseppe Sbalcheiro e il consigliere Pietro Collareda, viaggeranno nove componenti del Casanova Venice Ensemble che si esibiranno in più città australiane, grazie alle sponsorizzazioni locali trovate dai vicentini. Il clou dei festeggiamenti per il circolo presieduto ora da Cesare Zanchi, succeduto allo scomparso Piergiorgio Cappellotto, sarà tra l'8 e il 9 agosto con l'incontro dei presidenti dei sette circoli di vicentini d'Australia, la messa e il concerto del gruppo musicale. I Casanova Venice Ensemble di Tino Carollo si esibiranno, dopo Melbourne, anche a Griffith, Miyrtleford e di nuovo a Melbourne per l'Istituto italiano di cultura. Sbalchiero e Collareda visiteranno anche i circoli di Sidney, Camberra-Queanbeyan, Wollongong e Griffith.

L'avvenimemto è attesissimo dai circoli australiani che si stanno preparando da mesi ad ospitare gli amici d'oltreoceano e si dichiarano assetati di cultura veneta e italiana.

Missione in Sudafrica dal 20 agosto con due concerti e qualche improvvisazione tra i circoli dei vicentini e dei i veneti, per il coro El Vajo di Chiampo, preisieduto da Ferruccio Zecchin che è anche presidente della commissione cultura dell'Ente vicentini: a Johannesburg li attende Vasco Rader, il vicentino presidente dell'Advisa che raduna le associaazioni di veneti in Sudafrica, e qui si festeggeranno i 40 anni della corale italiana in Sudafrica "Valli Alpine"; a Pretoria i coristi saranno ospiti dei padri Stimmatini per un incontro con cori sudafricani; a Cape Town incontreranno i padri Scabriniani che gestiscono in città due centri di accoglienza per profughi e per gli orfani.

E a quasi 4 anni dall'evento, avvenuto nel luglio 2005, esce in questi giorni anche il libro che raccoglie gli atti del convegno-raduno per il 50° dell'Ente vicentini nel mondo, quando a Vicenza arrivarono i rappresentanti di tutti e 43 i circoli sparsi nel mondo.

Nicoletta Martelletto
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1