15 agosto 2020

Aree Tematiche

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Viaggi & Turismo

18.03.2019

Tulipani e lavanda
Viaggi alla ricerca
dei fiori di primavera

Un campo di lavanda in Provenza
Un campo di lavanda in Provenza

Giovedì 21 marzo è primavera e la fioritura di dodici fiori profumatissimi e colorati invogliano a partire alla scoperta di destinazioni che esplodono di luce e di tante tonalità. Ecco le mete, gli appuntamenti e i consigli di viaggio per godersi l’attesa stagione dei fiori.

 

TULIPANO. È l’Olanda il regno incontrastato dei coloratissimi tulipani e, in particolare, il parco Keukenhof di Lisse, piccolo villaggio di contadini a circa 30 chilometri da Amsterdam; qui dal 21 marzo al 21 maggio si possono ammirare 800 varietà di tulipano e oltre 7 milioni di bulbi fioriti. Il parco si attraversa preferibilmente in bicicletta, pedalando lungo i viali, le serre, i vivai, i 20 giardini espositivi e visitando i laboratori di ricerca e il museo dei bulbi. Lo spettacolo che offre il parco è incredibile: distese colorate di giallo, rosso, viola, blu, arancio e rosa raggiungono l’apice della fioritura fino a maggio e fanno da cornice a sette giardini a tema, ricchi di fiori di ogni varietà, di piante ornamentali, di specchi d’acqua e di migliaia di alberi secolari. 


Anche in Italia si possono ammirare un’infinità di tulipani: fino al 30 aprile nel parco-giardino Sigurtà di Valeggio sul Mincio, in provincia di Verona, si svolge la manifestazione Tulipanomania, l’esposizione di tulipani più importante d’Italia e la seconda in Europa. Qui, oltre alle 300 varietà di tulipani olandesi, sono esposti anche giacinti e narcisi che sbocciano nei 600mila metri quadrati del parco. 

Dal 7 al 28 aprile tornano ai giardini botanici di Villa Taranto di Verbania le “settimane del tulipano” con oltre 80mila bulbose in fiore e uno spettacolare labirinto di 20mila corolle fiorite e 65 varietà. Infine a Castiglione del Lago, sulle sponde del Trasimeno, si festeggiano i tulipani con una manifestazione colorata e divertente che prevede la sfilata di carri fioriti, dal 24 al 28 aprile. 

 

CAMELIA.  Il parco delle camelie di Locarno è una splendida distesa di colori e di profumi, un luogo dai preziosi contenuti botanici e dalla grande bellezza paesaggistica. Ospita dal 2005 preziose collezioni di camelie, fiore asiatico che fu importato per la prima volta nel continente europeo dal Giappone nel Settecento; oggi le varietà sono 850 e una decina sono ibridi profumati. Il parco della città ticinese è strutturato scenograficamente in una serie di aiuole che formano un percorso a labirinto, dove i visitatori si perdono tra le meraviglie della natura, il canto degli uccelli e il rilassante sciabordio del lago. Dal 27 al 31 marzo nel parco si svolge il più importante festival europeo dedicato allo splendido fiore nipponico. Un modo originale e divertente per raggiungere la città ticinese è a bordo dei treni panoramici della ferrovia Vigezzina-Centovalli, il cui biglietto di viaggio consente di ottenere sconti per entrare alla mostra “Camelie Locarno”. Il treno viaggia tutti i giorni da Domodossola a Locarno.

 
A marzo  - il 23 e il 24, il 30 e il 31 - e il 5 e il 7 aprile si svolge a Pieve sant’Andrea di Compito, in provincia di Lucca, la trentesima mostra “Antiche camelie della Lucchesia”.  È un atteso appuntamento che richiama gli amanti delle camelie e che si occupa non solo di botanica ma anche di cibo, di tè e di musica, tutti temi legati ai fiori d’origine asiatica. Oltre al borgo sono coinvolte anche la frazione di Capannori e la città di Lucca -e.

 

LAVANDA. Distese di campi color viola dal profumo inebriante caratterizzano la Provenza, in particolare la zona tra Vaucluse e le Alpi dell’Alta Provenza che da maggio ad agosto lascia senza fiato per la bellezza dei suoi paesaggi. Le strade invitano al viaggio tra borghi medievali, abbazie, musei e distillerie, aziende profumiere e botteghe artigianali, tutti dedicati alla lavanda. Alla fioritura dei campi di lavanda, tra metà maggio e metà giugno, segue il raccolto che avviene ad agosto, quando nella regione francese si susseguono feste e celebrazioni popolari legati all’amata pianta floreale con sfilate, giochi e concerti all’aperto.


Un’altra destinazione legata alla lavanda è Hvar, l’isola croata più lunga dell’Adriatico: in primavera, tra le colline e le vallate delimitate da muretti a secco, fiorisce la lavanda che contrasta con il color indaco del mare in lontananza. Tutto è viola e in ogni angolo dell’isola croata, da Vrboska a Jelsa, da Brusje a Zastrazisce, si vendono sacchetti di fiori essiccati, acque di colonia e profumi, oli essenziali e persino liquori alla lavanda nei negozi e sulle bancarelle dei tanti mercatini. 

 

ROSA. Tra Karlovo e Kazanlak, in Bulgaria, si apre tra le montagne l’estesa “valle delle rose”, famosa per l’imponente coltivazione floreale e per la maggior produzione mondiale di olio essenziale di rosa. Durante la fioritura, tra la fine di maggio e la prima metà di giugno, l’intera valle viene inondata da un forte profumo e ricoperta di coloratissime e superbe rose, mentre nei villaggi della zona si celebrano le feste tradizionali in onore del raccolto dei fiori. Nella valle si coltivano due eccellenti qualità di rose: la delicata damascena nei colori bianco, rosa e rosso e la trigintipetala o “rosa di Kazanlak” dal profumo persistente. 


Nella vicina Repubblica Ceca la fiabesca città di Český Krumlov festeggia la rosa a cinque petali: dal 21 al 23 giugno per le vie e le piazze del centro si svolge la manifestazione medievale dedicata alla regina dei fiori, con tornei di cavalieri, balli e mercati artigianali. 

 

Anche in Italia sono tanti gli appuntamenti per chi ama le rose; in particolare dal 21 aprile a metà giugno il roseto di Roma sul colle Aventino offre su 10mila metri quadrati più di mille specie di rose provenienti da diversi Paesi, tra cui anche numerose specie rare e curiose come quella dai petali verdi, Rosa viridiflora, e la Chinensis mutabilis, che cambia colore con il passare dei giorni.

Oltre 2mila piante di rose colorano il Romantik Hotel Oberwirt di Marlengo, sopra i tetti di Merano: alla rosa, ricca di vitamina C ed efficace per tonificare la pelle, sono ispirati trattamenti di bellezza del centro benessere dell’albergo. Alle porte di Modena, infine, c’è un museo naturalistico all’aperto unico al mondo: è il museo della rosa antica, testimone di una grande opera di recupero di un’area verde che ha seguito le regole della natura. Al suo interno sono ospitati 3.600 esemplari di rose, suddivise in 750 varietà, che convivono con alberi e arbusti spontanei.

 

CAMPANULA. Le corolle di questi piccoli fiori sono a forma di campana e il colore è viola tendente al blu: in Belgio c’è una foresta che in primavera è completamente tappezzata di questi coloratissimi fiori. Si chiama Hallerbos ed è la foresta di Halle, tra Zenne e Zonien, a poco più di mezz’ora da Bruxelles: a metà aprile questo luogo incantato regala uno spettacolo davvero incredibile perché si tinge completamente di blu e il tappeto di fiori è spesso calpestato dai caprioli, quasi come in un film della Disney. 

 

NINFEA.  Giverny, in Normandia, è un luogo incantevole che ha ospitato il pittore Claude Monet, padre dell’impressionismo francese. La sua casa, trasformata in un museo, è stata aperta al pubblico che può visitare anche il bellissimo giardino, simile a un quadro, che circonda la casa. Questo luogo incantevole ha ispirato alcune delle tele più importanti dell’artista, come la serie Les Nymphéas, ora conservata al Musée de l’Orangerie di Parigi. Il giardino in fiore è visitabile da aprile a novembre.

 

Bellissime sono le ninfee dell’Orto botanico di Palermo, storico museo all’aperto, che accoglie oltre 12mila specie differenti di piante tra cui varie ninfee e fiori di loto dalle fioriture multicolore.

 

ORTENSIE. Cespugli di ortensie bianche, fucsia e blu ondeggiano al dolce e regolare vento degli alisei e incorniciano i paesaggi, i giardini e i viali delle Azzorre, l’arcipelago vulcanico al largo della costa portoghese. È solo una delle occasioni per scoprire le nove isole dei vulcani fioriti - São Miguel, Terceira, Graciosa, Pico, Faial, São Jorge, Flores e Corvo - incontaminate, ricoperte di decine di crateri e di laghi contornati da azalee, camelie e piante tropicali, un paradiso terrestre abitato da contadini e marinai. In particolare l’isola di São Jorge è ricoperta da siepi di ortensie fiorite che delimitano i pascoli verdi, in contrasto con il blu dell’oceano. 

La cittadina di Bolsena, grazie alla piantumazione all’inizio del Novecento di alcune varietà di ortensie, è diventata un habitat naturale per questa coloratissima pianta fiorita. 

 

PEONIA. Le peonie ad arbusto si ammirano anche nei giardini botanici reali di Kew Gardens, a Londra. Situati a sudovest della città, i giardini offrono 120 ettari di puro spettacolo naturale.

Anche in Italia c’è un centro botanico dove si trova la più grande collezione al mondo di peonie cinesi: il Moutan di Vitorchiano, in provincia di Viterbo, offre fino alla fine di maggio oltre 200mila piante e 600 diverse varietà di peonie cinesi arboree ed erbacee, messe a dimora con altre piante mediterranee, in un tripudio di colori e di profumi.

 

NARCISO. Elegante e profumatissimo il fiore giallo e bianco a forma di stella del narciso fiorisce in tarda primavera e regala paesaggi colorati e composizioni floreali che la tradizione festeggia con carri carnevaleschi. E’ il caso di Rocca di Mezzo, in Abruzzo, dove il 26 maggio si svolge un’attesa processione di carri decorati con i narcisi. Ogni anno, l’ultima domenica di maggio è dedicata all’elegante fiore che colora l’altopiano delle Rocche e regala panorami profumatissimi.

 

Un’altra festa dei narcisi molto sentita e scenografica è quella che si vive nella Stiria austriaca, nel Salzkammergut. L’atteso festival dei narcisi, la manifestazione floreale di primavera più grande d’Austria, si svolge dal 30 maggio al 2 giugno e clou della festa è la parata dei carri e delle barche, splendidamente decorati con motivi floreali.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1