15 agosto 2020

Aree Tematiche

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Viaggi & Turismo

29.04.2020

Lettera di 12 Paesi all'Ue, voucher anziché rimborsi per viaggi aerei

Lettera di 12 Paesi all'Ue, voucher anziché rimborsi per viaggi aerei
Lettera di 12 Paesi all'Ue, voucher anziché rimborsi per viaggi aerei

Emendare «urgentemente» il regolamento europeo sui diritti dei passeggeri per permettere alle compagnie aeree di rilasciare dei voucher al posto dei rimborsi in denaro, in modo da «preservare il mercato dell’aviazione oltre la crisi causata dalla pandemia di Covid-19». Questa la richiesta avanzata da 12 Paesi alla Commissione europea in una lettera diffusa in concomitanza con la riunione in videoconferenza dei ministri dei trasporti europei.

 

I Paesi firmatari della lettera sono Belgio, Bulgaria, Cipro, Repubblica Ceca, Francia, Grecia, Irlanda, Lettonia, Malta, Paesi Bassi, Polonia e Portogallo. A causa della normativa europea sui diritti dei passeggeri e l’obbligo - su richiesta dei passeggeri stessi - di rimborsare in denaro i biglietti dei voli cancellati, le compagnie aeree «sono nella difficile situazione in cui devono affrontare gravi problemi di liquidità», si legge nella lettera. «Ora l’obiettivo condiviso dall’Ue e dai suoi Stati membri deve essere di preservare la struttura del mercato europeo dell’aviazione oltre l’attuale crisi, considerando allo stesso tempo gli interessi e la necessaria protezione dei passeggeri», continua il testo. Per questo il gruppo di 12 Paesi chiede di permettere alle compagnie aeree di scegliere quale strumento utilizzare per rimborsare i passeggeri.

 

Secondo i firmatari, «regolare il temporaneo rilascio di voucher è possibile e accettabile per i consumatori se sono rispettati alcuni principi chiave: informazioni trasparenti per i passeggeri, non discriminazione, una durata comune della loro validità, massima flessibilità nell’uso e un chiaro diritto di rimborso immediatamente alla fine del periodo di validità nel caso in cui il voucher non venga utilizzato». I Paesi si dicono poi «pronti a esplorare» meccanismi europei per garantire il rimborso dei voucher ai consumatori in caso di fallimento delle compagnie che li hanno rilasciati. 

 

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1