24 luglio 2019

Aree Tematiche

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

News

20.09.2018

La realtà virtuale utilizzabile
come cura per le dipendenze

La realtà virtuale utilizzabile come cura per le dipendenze
La realtà virtuale utilizzabile come cura per le dipendenze

La realtà virtuale? Non è riservata esclusivamente ai videogiochi, ma è arrivata a essere una vera e propria cura per le dipendenze, come quelle da droga, alcool o ludopatia, permettendo un’interazione assai differente dalle solite e consentendo di evitare anche la somministrazione di farmaci. Il Monash Institute di Melbourne ha infatti creato una struttura per lo studio del cervello sotto stress che combina la neuroscienza con la realtà virtuale e con l’esercizio ad alta intensità per diagnosticare e trattare le persone che soffrono di disturbi compulsivi senza ricorrere a farmaci. Il progetto è stato chiamato BrainPark e al momento sta dando ottimi risultati secondo gli specialisti.

Realtà virtuale terapeutica

“La realtà virtuale terapeutica - ha detto la direttrice del BrainPark, Rebecca Seagrave, alla radio nazionale Abc - rappresenta un punto di svolta per le malattie mentali. Può mettere insieme il medico, il paziente e le sue cattive abitudini ricreando una realistica ‘zona calda’ della dipendenza che viene affrontata congiuntamente per rieducare il soggetto e sviluppare nuove risposte a cannabis, alcool, anfetamine o gioco d’azzardo”. “Nelle dipendenze - ha continuato l’esperta - vi è tutta una serie di situazioni di innesco problematico a cui è veramente difficile accedere nel mondo reale e che si possono facilmente ricreare virtualmente in uno studio medico”.

Test virtuali

Attraverso la realtà virtuale, ad esempio, un paziente con un disturbo ossessivocompulsivo legato alla pulizia può essere messo alla prova affrontando degli ‘inneschi’, creando cioè sporcizia e disordine in cucina o nel bagno. I dipendenti dal gioco d’azzardo possono invece essere testati con una replica virtuale di una sala slot da poker. “Possiamo misurare la risposta cerebrale fisiologica delle persone - ha continuato Seagrave - verso differenti aspetti del gioco d’azzardo in un ambiente virtuale ed esaminare quali aspetti sono più legati al comportamento da dipendenza”. E conclude: “Tradizionalmente le dipendenze sono trattate secondo il tipo, come assistenza psicologica per la ludopatia e farmaci per le crisi di astinenza o l’ansia. Ma questo non funziona per tutti. Noi vogliamo offrire un nuovo approccio per diagnosticare e trattare la compulsione, sfruttando i benefici offerti dalla tecnologia”.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1