24 agosto 2019

Aree Tematiche

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

News

24.07.2019

Google offre 5 dollari per scansionare il volto

Google investe nel riconoscimento facciale e per potenziare il sistema, che serve anche allo sblocco dei telefoni, inaugura un esperimento: negli Stati Uniti offre 5 dollari ai passanti che accettano di prestare il loro volto per allenare gli algoritmi di intelligenza artificiale. La notizia, riportata dal sito ZDNet, ricorda un  altro esperimento inaugurato a maggio da Amazon che prevedeva un compenso per la scannerizzazione del proprio corpo. E fa riflettere sul valore dato alla privacy dagli utenti e dalle aziende tecnologiche. Secondo il sito ZDNet, alcuni dipendenti di Google stanno girando per le strade di New York con l’intento di analizzare il volto dei passanti che accettano di partecipare all’iniziativa. Viene richiesto di farsi inquadrare da un dispositivo non ancora sul mercato - potrebbe trattarsi del prossimo Pixel - e lasciare che il volto venga analizzato da diverse angolazioni. A chi accetta viene fatta firmare una liberatoria e viene offerta una "gift card" da 5 dollari, spendibile su Amazon o da Starbucks. Il sito spiega che l’esperimento è in corso in altre città Usa e serve a migliorare l’algoritmo di riconoscimento facciale di un nuovo telefono. Qualche settimana fa Amazon ha lanciato un test abbastanza simile, dando una carta regalo di 25 dollari a chi è disposto a farsi scannerizzare il corpo, fornendo così una serie di dati potenzialmente utili a rifinire le taglie per la vendita online di vestiti.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1