24 febbraio 2020

Aree Tematiche

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Auto

27.01.2020 Tags: Bassano del Grappa , Miki Biasion , polizia stradale , test , alcol , video

Alcol al volante
Il test di Biasion
«Impressionante»

La tragedia di Bolzano, con il giovane ubriaco che alla guida della sua auto ha travolto e ucciso 7 studenti, ferendone altri 10, lo ha colpito profondamente. Di qui la scelta di fare qualcosa, lanciare un messaggio forte e diretto: «Quando beve anche un grande campione perde il controllo: se guidate non bevete». Sono le parole di Miki Biasion, ex pilota di rally, due volte campione del mondo, fresco vincitore del premio Città di Bassano.

 

L'asso del volante si è prestato a un test speciale, realizzato in collaborazione con la polizia stradale e un'equipe medica, per dimostrare come anche poco alcol sia in grado di mettere in seria difficoltà anche i riflessi di chi abbia uno straordinario talento nel guidare. Tutto ripreso e poi divulgato sui social (IL VIDEO).

 

Biasion si è presentato sulla pista di Varano, in provincia di Parma, percorrendo un tratto a ostacoli in più prove al volante di due diverse auto: prima da sobrio, poi dopo aver bevuto una birra media, poi due, poi tre. Già alla prima birra ha sbagliato qualche sterzata, all'ultima ha guidato in modo terribile, abbattendo diversi birilli, non controllando i testacoda e frenando molto dopo lo stop fissato. «Il messaggio che voglio mandare con questo test è rivolto a tutti, perché non solo i giovani guidano sotto l'effetto di alcol, anzi - spiega il campione -. Il problema è che la vista peggiora, i riflessi anche, ma si è convinti di guidare bene. Lo ero anch'io in quei momenti. È questa errata consapevolezza a uccidere, è la convinzione di poter arrivare a casa anche se l'auto sbanda. Gli stessi effetti li dà il sonno, nessuno ormai si ferma in una piazzola di sosta per riposare anche solo mezz'ora quando sente gli occhi chiudersi: tutto questo è pericolosissimo». «Volevo che tutti vedessero come davvero nessuno sia immune dai suoi effetti, che anche un campione come me quando guida sotto l'effetto dell'alcol commette gravi errori».

Correlati

Articoli da leggere

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1