venerdì, 22 novembre 2019
CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

11.01.2013

Variati: «Nuove basi Usa non hanno senso»

L'ingresso della basse Pluto a Longare. Variati ha ribadito il suo no al centro di addestramento. ARCHIVIO
L'ingresso della basse Pluto a Longare. Variati ha ribadito il suo no al centro di addestramento. ARCHIVIO

VICENZA. Le irritazioni filtrate dalla Ederle provocano altre irritazioni. Le più singificative sono quelle del sindaco, Achille Variati, che ribadisce con forza il suo no al progetto per il centro di addestramento a base Pluto a Longare. «Il territorio vicentino non può essere protagonista di un'espansione infinita di siti militari americani - attacca - dire basta è una scelta dettata dal buon senso».  Basterebbe questo per giustificare l'opposizione decisa, a prescindere quindi da ogni valutazione del progetto. Alla Ederle non avevano gradito la parte di motivazione illustrata nel primo comunicato del sindaco, dove diceva che «riteniamo la struttura dannosa dal punto di vista viabilistico perché causerebbe lo spostamento costante di mezzi militari da e per il centro di addestramento lungo le strade di collegamento fra le basi». Secondo gli americani questo spostamento di truppe non ci sarebbe proprio, avendo bisogno al massimo di tre autobus. «La Regione ha interpellato il Comune di Vicenza sul nuovo progetto e noi abbiamo espresso parere negativo - aggiunge adesso il sindaco -. Nelle motivazioni abbiamo citato gli effetti negativi sulla viabilità e sull'equilibrio ambientale e paesaggistico dei Colli Berici. Ciò non significa che il nuovo centro di addestramento paralizzerà le strade o distruggerà la bellezza dei Colli Berici, vuol dire semplicemente che la nuova struttura avrà un'influenza negativa su questi ambiti».  «Ma il punto centrale è un altro - dice il sindaco, rispondendo di fatto all'obiezione sul traffico -. Ci viene detto, senza adeguata documentazione, che il nuovo centro di addestramento ospiterà decine o centinaia di militari e avrà impatto limitato. Ma se è una struttura così poco significativa, perché non realizzarla all'interno della nuova base Dal Molin in costruzione?
Tutti i particolari nel Giornale in edicola

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1