<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=336576148106696&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">

Un'intervista all'inventore più grande

Francesco Zarantonello e Bernardo Ardini

-Buongiorno segretaria.-
- Buongiorno a lei direttore.-
- Potrebbe andare a chiamare Giovanni?-
- Buongiorno direttore mi dica.-
- Avrei un compito importante per lei.-
- Di cosa si tratta?-
-Si tratta dell’intervista del secolo. Ha presente che circa due mesi fa uno scienziato  ha inventato la macchina per parlare con Dio? Ecco potremmo intervistare Dio, sempre che quell’aggeggio funzioni. Lei ci sta?-
- Ma certo sarà una cosa magnifica.-
-Sapevo che lei avrebbe accettato e quindi ho già chiamato lo scienziato per organizzare l’intervista.
Ha un’ora per preparare le domande.-
(Un ora più tardi il giornalista ha finito di prepararsi le domande e si dirige presso il CERN di Ginevra dove si trova questa incredibile macchina.)
- Possiamo iniziare con l’intervista?
-OK. Cari ascoltatori siamo in diretta dall’acceleratore di particelle CERN a Ginevra, Svizzera. Stiamo per iniziare il collegamento Terra-Paradiso, è la prima volta che avviene ed è molto emozionante .
Giornalista: - Buongiorno signor Dio, intanto potrebbe dirmi come la devo chiamare? Illustrissimo, eccellentissimo, mirabolante o cos’altro?  
Dio: -No,  non ho tempo da perdere per le formalità, mi chiami semplicemente Dio.  –
G. -La ringrazio
D. -Chiedimi quello che vuoi.-
G: -Noi sappiamo che lei a creato tantissime cose, come la terra, gli animali , l’uomo .-
D: - Beh, signor giornalista, non vorrei insultare gli uomini, ma a volte vedo certe persone che sembrano animali, ma ormai quel che è fatto è fatto.-
G: - Ha ragione, cambiamo discorso. L’invenzione più grande che lei abbia mai fatto è sicuramente la terra,e su questo avrei una domanda. Ma lei ha creato subito la terra o prima il bosone dì Higgs?
D: -Così lei  pensa che sia stato così facile creare direttamente tutta la terra? Ma lei sa quanto è grande?
G: -No non ne ho la più pallida idea .-
D: - Glielo dico io: 924 375 700 km ,ho capito che sono Dio ma è molto più semplice creare il bosone di Higgs. Tuttavia il suo vero nome sarebbe particella di Dio.
Si potrebbe dire che il bosone di Higgs esiste perché sono troppo pigro per creare la terra in un solo momento…
G: -Da scienziato, ci può dare qualche informazione in più, oltre la sua massa che è (125,3 ± 0.6) GeV/c²  e che non ha non ha cariche elettriche.
D: -Sì certo, vi darò informazioni più astratte. 13798 miliardi di anni fa, più o meno, feci esplodere il bosone di higgs e quello che chiamate universo ha iniziato ad espandersi fino a formare quello che è oggi.
Invece il vostro universo non è altro che una piccola particella dentro un altro universo e questo universo è una piccola particella di un altro universo ancora e così dicendo.
Ha presente le matrioske? Più o meno la stessa cosa.
Questo spiega le reincarnazione degli induisti, buddisti e altri variopinti fedeli. Spiega anche l’opera di un vostro grande scrittore: Dante Alighieri.-
G: -Alighieri? Non ho mai pensato che tutte le sue teorie nella Divina Commedia fossero scienza.-
D-: -Perché lei è un uomo di poca fede……-
A ogni nostra morte non andiamo direttamente in paradiso ma rinasciamo nell’ universo di dimensione subito più grande.
Invece se commetti un peccato mortale alla tua morte non passerai all’universo successivo, ma viaggerai a velocità inimmaginabili attraverso il nulla, senza arrivare da nessuna parte, quindi di conseguenza non farai niente all’infinito;questa fine si chiama “kestalaq”.
Le tappe non sono infinite perché quando sarai pronto, entrerai nel regno dei cieli.
Se dopo  di tutto ciò non sarai ancora pronto andrai in una sorta di purgatorio.
Questo purgatorio è un buco nero.
Quando una persona  sarà pronta riuscirà a risalire dal buco nero.
In caso contrario verrai risucchiato e verrai preso dalla kestalaq.
G: - Mi spiace ma temo di non aver capito molto, ma questa è scienza o religione?
In quel momento Dio svanisce con un enigmatico sorriso ……………….
Dalla Svizzera è tutto, linea allo studio.


Francesco Zarantonello e Bernardo Ardini

Suggerimenti