L.R. Vicenza

Progetto Lane
A Romano un centro
tecnico da serie A

.
Il grande cantiere nell'area dove si realizzerà il campo da calcio principale per gli allenamenti. FOTO IULIANO
Il grande cantiere nell'area dove si realizzerà il campo da calcio principale per gli allenamenti. FOTO IULIANO

«Il Lane sarà la squadra non solo di Vicenza, ma di tutta la provincia», lo ha sempre detto e rivendicato la famiglia Rosso, fin dal primo giorno dell'acquisizione. Adesso quelle parole diventano al tempo stesso causa ed effetto di un importante cambiamento nella vita sportiva del Vicenza. Le tante affiliazioni con società del territorio sono state l'occasione per ricordarlo a tutti e per raccogliere quell'entusiasmo necessario al fine di fare un altro passo in avanti.

 

SI SALE A NORD. Ecco che, facendo tesoro di tutto questo, il Vicenza è pronto a fare le valige dal centro sportivo di Capovilla di Caldogno per spostarsi più a nord, precisamente di 38 km rispetto a dove si allena adesso. Ormai tutte le strade future dei biancorossi portano a Roma... no d'Ezzelino o, per meglio dire, allo Sporting Club di Fellette. Sarà infatti questa la struttura che ospiterà gli allenamenti della prima squadra, presumibilmente dalla prossima stagione, trasformandosi in un vero e proprio centro tecnico all'avanguardia anche in prospettiva serie A, senza contare che la nuova Pedemontana Veneta ridurrà chilometri e tempo di percorrenza tra il capoluogo Vicenza e il paese dell'area bassanese. Ma facciamo un po' di ordine, partendo dal 2018. Lo Sporting Club è da anni uno dei pallini di "mister Diesel" che, poco dopo essere diventato il proprietario del Lane, definì l'acquisizione dell'impianto di Fellette tramite la "Red Circle Srl", una società di investimenti della famiglia Rosso. Allo Sporting per anni si è allenato ogni giorno il Bassano ai tempi dell'Eccellenza, della D, della C2 e della C1. Si tratta di una struttura di grande impatto, con campi da calcio, due piscine, una club house, campi da calcetto, campi da tennis, palestra ed un favoloso green in mezzo alla natura. Fin qui nulla di nuovo sotto il sole, anche perché l'impianto lo conoscono bene tutti i tifosi del Lane che vivono in zona così come centinaia di famiglie che, proprio allo Sporting, accompagnano settimanalmente i propri figli.

 

ATTIVITÀ DI BASE. Il centro sportivo è infatti la "seconda casa" dell'attività di base del Vicenza: dai 2010 ai 2015, i bambini che vestono la maglia biancorossa vanno ad allenarsi e divertirsi lì. Ebbene, l'aspetto e la forma dello Sporting stanno cambiando e si stanno adattando ai desiderata di mister Mimmo Di Carlo e dello staff, in previsione di un trasloco completo e definitivo del Lane in terra ezzelina per quanto concerne l'attività di training e preparazione alle partite. I cartelli dei lavori in corso fuori dal cantiere parlano chiaro: il primo riporta la scritta "intervento di adeguamento e ristrutturazione dell'edificio polifunzionale denominato club house" mentre il secondo, quello del cantiere da cui nascerà il nuovo campo d'allenamento della prima squadra, evidenzia nero su bianco la dicitura "interventi di manutenzione campo adibito al calcio". Su entrambi il committente è sempre lo stesso, ovvero la "Red Circle Srl". C'è tutto quello che serve per azzardare delle ipotesi che, in base a quanto filtra dagli ambienti societari, sarebbero oramai delle certezze in attesa di ufficialità. Quello che manca è la data di fine lavori: l'emergenza Covid, il lockdown e le difficoltà operative di questi mesi hanno senza dubbio inciso sulla tabella di marcia, ma sembra che adesso si sia tornati a lavorare a ritmi serrati, con l'area tecnica del Vicenza che più di una volta è passato di qui per verificare l'andamento dei lavori in vista di un centro sportivo «che - spiegano gli addetti ai lavori - sarà di grande livello, da serie A». Le famiglie dei bambini che si allenano già allo Sporting esprimono grande entusiasmo per il presunto arrivo dei beniamini dei propri figli ma, al tempo stesso, non nascondo un po' di preoccupazione. «Speriamo che il Vicenza non decida di farci andar via: sarebbe un segnale bellissimo vedere nello stesso impianto i bambini ed i giocatori della prima squadra», dichiara un papà che abbiamo intervistato alla fine dell'allenamento. E i tifosi? A Romano, così come in tutto il Bassanese, l'entusiasmo schizzerebbe alle stelle e le amichevoli del Lane, disputate l'anno scorso contro squadre dilettantistiche della zona, possono essere prese come esempio tangibile. Il nuovo centro tecnico, una volta completati i lavori, avrebbe ben poco da invidiare alle strutture dei club di Serie A e questo la dice lunga sulla progettualità e le intenzioni che Renzo e Stefano Rosso hanno in mente per il Vicenza

Alex Iuliano