LR Vicenza

Bikel è a disposizione, il Catania su Ierardi

Ufficializzato anche il sesto acquisto di gennaio che è Janio Bikel, classe ‘95, alto 1,74 per 63 kg. Il centrocampista proveniente dal club canadese Vancouver Whitecaps è in città e ha cominciato ad allenarsi e domani potrebbe anche essere convocato da mister Brocchi. 
Iniziano a muoversi le acque pure in uscita. Davide Lanzafame ha infatti raggiunto un accordo con la società per la rescissione anticipata del contratto, l’attaccante, arrivato a fine gennaio 2021, chiuderà dunque la sua esperienza in biancorosso con 16 presenze e 3 reti tra campionato e coppa Italia. 
Dopo pochi mesi cambierà maglia anche Marco Calderoni, che era arrivato dal Lecce l’estate scorsa: il terzino sinistro ha trovato l’intesa con il Cesena, la società che si era fatta avanti per lui come riferito ieri. 
Restando alla difesa, avevamo detto anche che in via Schio si stava riflettendo sulla posizione di Mario Ierardi e la conclusione è stata che il club crede molto in lui ma, visto che rischierebbe di avere poco spazio nella situazione che si è venuta a creare, pare si sia deciso di cederlo in prestito per dargli la possibilità di giocare con continuità da qui a giugno, fra l’altro in una grande piazza come potrebbe essere il Catania, il club che si è fatto avanti con decisione per averlo. 
S’è detto poi dell’abbondanza venutasi a creare nel reparto avanzato con gli arrivi di Teodorczyk e Da Cruz e dell’esigenza di sfoltire un po’ l’organico e così oltre a Lanzafame, che ha rescisso, è in partenza pure Samuele Longo. Per lui c’è una richiesta di un club estero ma anche di una società italiana, il giocatore preferirebbe la soluzione estera a quanto sembra, ma si è preso del tempo per riflettere. 
Accanto alle uscite non mancherà però un’altra entrata, oltre a Bikel. L’operazione per il trequartista del Torino Ben Lhassine Kone, classe 2000, alto 1,72 per 75 kg., pare destinata ad andare in porto, ma ormai slitterà ai primi giorni della prossima settimana

 

Leggi anche
Dai vecchi ai nuovi leader, due squadre fuse insieme

Alberta Mantovani