Il raduno

LR Vicenza: la Primavera è in rampa di lancio

Un nuovo inizio: a Romano d'Ezzelino si è alzato il sipario anche sulla stagione della Primavera 2. Nei giorni scorsi allo Sporting 55 la seconda squadra biancorossa si è ritrovata agli ordini di Dan Vesterby Thomassen e del suo staff per iniziare la preparazione al prossimo campionato. Valori di squadra Idee chiare per il tecnico danese: «Mi aspetto di riuscire a dare prima di tutto un'identità a questa squadra e a questi ragazzi - ha esordito -. Deve essere un misto tra l'identità della società, che è importante, vista la storia del Vicenza e il suo legame con il territorio, le idee mie e del mio staff, ma soprattutto saranno una componente fondamentale le caratteristiche dei miei giocatori. Ci sarà sempre chi fa meglio di noi, l'importante è esplorare il proprio potenziale. In primis io li devo aiutare in questo». Ci sarà tempo e modo per capire dunque quali saranno le peculiarità della nuova Primavera che Thomassen ha ribadito: «Saranno condizionate dalle caratteristiche dei ragazzi, che conosco già, ma ha bisogno di un mesetto per andare più a fondo e capire cosa attuare sul rettangolo di gioco».

Le basi di partenza però sono solide: «Abbiamo già iniziato a parlare con i ragazzi di umiltà, coraggio, coerenza ed entusiasmo. Questo è ciò che voglio che mettiamo in campo, e anche fuori». Anche la condizione di partenza della squadra sembra far intravedere buone cose: «I segnali sono ottimi, si sono presentati molto bene fisicamente e con un ottimo spirito, con voglia di fare, posso solo che essere positivo», ha infatti aggiunto il tecnico biancorosso. A partire da questa stagione, oltre alle promozioni in Primavera 1, sono state introdotte anche due retrocessioni: «Questa novità porta un livello agonistico ancora più alto, ma questo per me è solo uno stimolo e dovrà diventarlo anche per i ragazzi - ha commentato Thomassen -. Nel campionato Primavera è sempre difficile fare previsioni non conoscendo gli avversari, che cambiano ogni anno. Per questo siamo estremamente concentrati su noi stessi: sono contento del gruppo, c'è tanta qualità. Siamo partiti con una rosa definita al 99%, non si sa mai che il mercato possa riservarci qualche sorpresa, ma ci siamo e possiamo lavorare bene da subito. La società ci sta permettendo di lavorare in questo periodo dove solitamente lavora la prima squadra e questo è un ulteriore segnale di vicinanza: per i ragazzi che vivono tutti giorni il sogno di arrivare in prima squadra è motivo d'orgoglio. Così come è fondamentale vedere dei loro coetanei in ritiro con la squadra di Baldini: possiamo raccontargliela come vogliamo, ma portare i fatti davanti i loro occhi è la cosa più importante».

La rosa Portieri: Tommaso Bresolin (2004), Diego Ratzenbeck (2005), Tommaso Rodeghiero (2005), Lapo Siviero (2006, aggregato dall'Under 17), Maycol Tejada (2006, aggregato dall'Under 17) Difensori: Federico Bailo (2004, dall'Inter), Andrea Bonetto (2004, dal Montebelluna), Davide Borsato (2004, dal Bologna), Mattia Parlato (2005), Matteo Vescovi (2005), Davide Stravri Ziu (2005, dal Lecco). Centrocampisti: Alessandro Barbieri (2004), Andrea Boarini (2004, dal Malo), Niccolò Centazzo (2004, dalla Sampdoria), Alberto Lattanzio (2004), Edoardo Mion (2005), Tobia Mogentale (2005), Matteo Pavan (2005), Giulio Pellizzari (2004) Attaccanti: Andrea Crestani (2005), Aleksa Djordjevic (2005), Lorenzo Iseppi (2005), Giovanni Mores (2005), Davide Pettinà (2004), Federico Tonin (2006). Al momento aggregati in prima squadra: Christian Corradi (2005), Alessandro Favero (2003), Matteo Manfredonia (2004), Mattia Morello (2004).

Anna Fabrello