L'impianto

Il Lane riparte da Thiene e trova la benedizione

La benedizione (Studio Stella)

Il Vicenza ieri ha ufficialmente inaugurato il secondo nuovo centro sportivo nell’arco di poche settimane. Dopo lo Sporting Center 55 di Fellette, infatti, è stata la volta della cittadella dello sport di Thiene, che a partire da questa settimana ha cominciato ad ospitare gli allenamenti della squadra biancorossa. Ieri pomeriggio la simbolica cerimonia di affidamento della struttura da parte dell’amministrazione comunale thienese, con il sindaco Giovanni Casarotto affiancato dall’assessore allo sport Gianantonio Michelusi e dall’intera giunta che ha dato il benvenuto all’LR Vicenza, rappresentato dal dg Paolo Bedin con il ds Federico Balzaretti, il direttore tecnico Francesco Vallone e il team manager Andrea Basso, oltre all’allenatore Cristian Brocchi e al capitano Stefano Giacomelli. 

Progetto trentennale Particolarmente soddisfatto il sindaco Casarotto: «Siamo orgogliosi di poter finalmente ospitare il Vicenza in questo impianto: una struttura progettata ancora in occasione dei Mondiali di Italia ’90 e rimasta a lungo in stato di abbandono – ricorda -. Pochi credevano che ce l’avremmo fatta, ma ci siamo impegnati a fondo e siamo riusciti a portare a casa questo risultato importante. Mi auguro che il nostro esempio possa essere seguito anche dal Vicenza: la salvezza pare oggi a molti un’impresa impossibile, ma con la determinazione e la coesione che si sono già visti in campo contro il Brescia sarà possibile raggiungerla e festeggiarla come una vittoria del campionato». 

Il bando di gara che si è aggiudicato il Vicenza prevede la gestione di due campi (oltre allo stadio principale, anche un campo sintetico) e di una grande area degli spogliatoi, in parte adibita anche a palestra. Tecnicamente i dettagli della convenzione saranno definiti a febbraio-marzo, quando il Comune entrerà pienamente in diritto di disporre dell’intero polo sportivo collaudato (oltre alle aree per il calcio e per il rugby già in utilizzo, ci saranno anche un’arena eventi per 5000 persone, un percorso ciclopedonale da 2 km e due campi da calcio a 5), ma si prevede un accordo con il Vicenza su base biennale; della struttura usufruirà anche la Primavera.
 

La benedizione Particolarmente sentita la benedizione da parte di don Federico Fabris, parroco di Laverda e Mure e cappellano dell’ospedale di Asiago, nonché grande tifoso del Lane: il sacerdote oltre ai campi e alle strutture ha voluto infondere una benedizione anche sugli amministratori e sui dirigenti e lo staff del Vicenza, augurando loro che anche questo possa aiutarli a trovare energie positive per riuscire a superare le avversità sportive di questo tribolatissimo avvio di campionato. Anche il sindaco Casarotto ha rivolto il suo pensiero benaugurante alla squadra, incitando il capitano Giacomelli («Contiamo molto su di te!») e rincuorando il tecnico Brocchi: «Adesso che il Vicenza è a Thiene… vedrà che tiene botta!».

 

Francesco Guiotto