DOPO LA BATOSTA

Il Lane prova a rialzarsi E dopo la figuraccia la squadra va a rapporto

Grande delusione per i biancorossi al Liberati di Terni
Grande delusione per i biancorossi al Liberati di Terni
Grande delusione per i biancorossi al Liberati di Terni
Grande delusione per i biancorossi al Liberati di Terni

•• Metabolizzare una sconfitta è sempre spiacevole. Affrontare i postumi di una batosta come quella di Terni, un 5-0 che ha sancito l’umiliazione dell’ottavo ko su nove incontri di campionato, significa fare i conti con un carico emotivo (e di classifica) devastante. Eppure il Vicenza non ha alternative: rassegnarsi e lasciarsi andare alla deriva già adesso significherebbe creare danni irreparabili non solo nel presente, ma anche per il futuro. Day after «Chiediamo scusa, ci chiuderemo tra di noi per continuare a lavorare e per cercare di uscire al più presto da questa situazione difficile, prendendoci ciascuno, giocatori inclusi, le proprie responsabilità», aveva dichiarato nel dopogara il presidente Stefano Rosso. Un faccia a faccia tra la società e la squadra si è avuto ieri a Capovilla, dove lo stesso presidente, il direttore generale Paolo Bedin e il direttore sportivo Giuseppe Magalini hanno incontrato lo staff tecnico e i calciatori. Nulla è trapelato sui contenuti del confronto, ma già le parole del presidente biancorosso dopo la disfatta del Liberati e la scelta di mandare ben quattro giocatori a metterci la faccia a Terni dopo le cinque sberle rimediate sul campo lasciavano presagire che stavolta, più che in passato, c’è stata l’intenzione di far assumere ai giocatori piena consapevolezza delle proprie manchevolezze, ferme restando quelle di tutte le altre componenti del Vicenza. La speranza è che arrivi una reazione già dopodomani, quando al Menti arriverà il Monza per il turno infrasettimanale. Una partita per la quale l’ex Cristian Brocchi recupererà in attacco l’altro ex, Davide Diaw, che si darà il cambio tra gli squalificati con Giacomelli, mentre saranno da valutare le condizioni di Cappelletti e pure Padella ieri ha rimediato una botta in allenamento (ma almeno nel suo caso non dovrebbe essere nulla di grave). Tifosi spazientiti I sostenitori, intanto, hanno colmato la misura della pazienza. Lo avevano già comunicato sabato sera gli ultras della Curva Sud, lo hanno ribadito ieri con una nota i club del Centro di coordinamento presieduto da Maurizio Salomoni: «Siamo noi tifosi i primi a non meritare questa situazione imbarazzante, non siamo disposti ad essere umiliati e fortemente delusi. Pretendiamo scuse solo con i risultati del campo. Vogliamo capire nel brevissimo tempo che non è ancora fallito il progetto sportivo. Questa è Vicenza, dove serve umiltà e progettualità fatta di scelte coerenti con quanto promesso e soprattutto dove serve rispetto per la nostra maglia da chi la indossa e da chi la rappresenta. Fatelo per chi come noi c’è sempre, per i giovani tifosi e per quelli che verranno. Forza Lane».•. © RIPRODUZIONE RISERVATA

Francesco Guiotto