Nuovo responsabile scouting

Il Lane con Vallone guarda al futuro. «Ci strutturiamo per un bacino europeo»

Francesco Vallone con il presidente Stefano Rosso e il ds Magalini
Francesco Vallone con il presidente Stefano Rosso e il ds Magalini
Francesco Vallone con il presidente Stefano Rosso e il ds Magalini
Francesco Vallone con il presidente Stefano Rosso e il ds Magalini

Il Vicenza inaugura un nuovo corso. Viene infatti presentato ufficialmente Francesco Vallone, nuovo direttore tecnico, scouting e metodologie. 

Vallone, 40 anni, entrato nell'organigramma della Roma nel 2014, ha ricoperto il ruolo di Head Scouting and Coaching fino alla scorsa stagione. Allenatore con licenza Uefa Pro, ha iniziato come tecnico nelle diverse categorie dei campionati nazionali giovanili per poi divenire, all'interno della società giallorossa, il riferimento dell'area tecnica e scouting per diversi direttori sportivi e allenatori. Vallone con la società biancorossa ha firmato un accordo di due anni.

Alla presentazione intervengono anche il presidente Stefano Rosso e il direttore sportivo Giuseppe Magalini.

 

ROSSO: In ambito aziendale l’asset della vendita è fondamentale per la sostenibilità. L’arrivo di Francesco Vallone ci aiuterà a cercare nuovi talenti da valorizzare. Non possiamo più pensare che solamente attraverso le sponsorizzazioni o soltanto con le entrate legate al ticketing si possa sostenere una società di Serie B o anche di A. Quindi è fondamentale investire oggi, per riuscire poi a raccogliere nel medio termine, ma anche prima. Riteniamo che questa scelta proietti Vicenza sempre più verso il futuro e speriamo sia una scelta apprezzata dai tifosi e dal pubblico, in quanto si continua a delineare quello che è il nostro percorso, di crescita e sviluppo per dare a Vicenza un futuro sempre più solido

 

MAGALLINI: Ci strutturiamo per un bacino europeo

 

VALLONE: Siamo già attivi non è detto che tra qualcosa settimana ci siano dei frutti

 

ROSSO: L'operazione Diaw possibile anche per la disponibilità del dott. Galliani

 

VALLONE: Si può fare tanto, è necessario un primo periodo di analisi. Da un punto di vista di scouting e metodologia che sono i due punti di riferimento principali per la direzione tecnica, vorrei sottolineare che quando viene scelto un giocatore si è solo alla metà dell’opera, poi è molto importante costruire un percorso in modo tale da far sì che questo giocatore venga esaltato e possa esprimere qualsiasi potenzialità. Servirà lo sforzo di tutti, servirà una grande abnegazione e una grande fiducia e soprattutto, dobbiamo sapere che serve un pochino di tempo poi per poter accelerare questo processo step by step. Ovviamente non basta solamente una risorsa per costruire un’area tecnica, stiamo cercando delle figure professionali che possano in qualche modo accelerare il processo. Sono figure professionali legate allo scouting, stiamo cercando il giusto connubio tra esperienza, ma anche visione, che è quella che vogliamo perseguire con questo club

Suggerimenti