LR Vicenza

Giacomelli sul mercato e il Mancio al Milan. Il Lane cambia pelle

Dopo dieci campionati e oltre trecento partite con la maglia biancorossa, la lunga storia tra Stefano Giacomelli e il Vicenza potrebbe chiudersi entro la fine del mese di agosto. I segnali in questo senso erano cominciati a giungere già prima del ritiro in altopiano, con l’arrivo sul mercato di diversi giocatori con caratteristiche tecnico-tattiche analoghe all’esterno umbro, e sono proseguiti con le scelte dell’allenatore Francesco Baldini nelle prime amichevoli stagionali. L’attuale capitano non è più al centro del progetto tecnico, ma rappresenta una delle alternative: questa è la situazione. 
Il Vicenza quindi, tenendo presente anche il vincolo dei 25 calciatori utilizzabili nella lista ufficiale, è entrato nell’ottica di poterlo cedere per dare maggiore spazio ai pari ruolo più giovani; e lo stesso Giacomelli, nonostante il legame viscerale con la maglia del Lane e la possibilità concreta di insidiare lo storico primato di Giulio Savoini per il numero di presenze, avrebbe preso atto della situazione e comincerebbe a valutare la possibilità di passare ad una nuova squadra in cui ritrovare a 32 anni nuovi stimoli e magari un ruolo da protagonista indiscusso. Il confronto tra le parti prosegue, vedremo come si svilupperà nei prossimi giorni; di certo gli estimatori di Giacomelli in serie C non mancano, e qualche club avrebbe già sondato il terreno.

Longo & Jallow Per una lunga storia che potrebbe essere alle ultime pagine, ce n’è un’altra per la quale è già stata scritta la parola “fine”. Come avevamo anticipato, si è concretizzata in tempi molto rapidi la cessione di Samuele Longo ad una squadra di seconda divisione olandese: il centravanti trevigiano infatti è passato ufficialmente al Dordrecht. Si tratta di un’uscita tutt’altro che banale per il monte-ingaggi del Vicenza, alla quale nelle intenzioni del ds Federico Balzaretti dovrebbe seguire quella del “gemello” Lamin Jallow. 
Come si ricorderà, i due attaccanti erano arrivati a Vicenza alla fine del mercato 2020, legandosi al club biancorosso con due onerosi contratti triennali. Il ds Giuseppe Magalini e il tecnico Mimmo Di Carlo confidavano che potessero trovare con la maglia del Lane il loro riscatto personale, tornando ad esprimersi sui loro migliori livelli. Dopo un campionato deludente, invece, l’anno scorso erano stati entrambi ceduti in prestito, ma erano rientrati alla base a fine giugno. Ora, dopo l’uscita definitiva di Longo, l’obiettivo è quello di piazzare anche Jallow: si è fatta avanti una squadra turca, ma non sarebbe l’unica opzione sul tavolo.  

Mancini & Proia Altre due trattative in uscita sono ormai ben apparecchiate e, salvo sorprese, dovrebbero concretizzarsi prossimamente. Tra le varie proposte, alla fine il giovane centravanti Tommaso Mancini sarebbe pronto ad accogliere quella del Milan (al Vicenza arriverebbe in dote circa 1 milione e mezzo di euro); il centrocampista Federico Proia, invece, attende si limino gli ultimi dettagli per ritrovare alla Spal il suo mentore Roberto Venturato che lo ha valorizzato al Cittadella. 
Oltre a Mancini e Proia, in lista di partenza rimane il difensore centrale Riccardo Brosco, per il quale però non hanno trovato sbocco i discorsi abbozzati con Triestina, Pescara e Avellino; nelle ultime ore è rimbalzata la voce di un interesse del Trento, ma l’ingaggio elevato del giocatore resta un ostacolo notevole. Sono state intanto ufficializzate le cessioni dei giovani Stefano Cester (in prestito all’Arzignano) ed Enrico Rossi (a titolo definitivo al Lecco).

Francesco Guiotto