<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=336576148106696&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">
UNDICESIMA PUNTATA

È solo calcio, l'approfondimento sulla Serie C. Rivedi la puntata

di Marta Benedetti
L'approfondimento del lunedì.
E solo calcio puntata del 28 novembre 2022

I derby son belli per questo, perché le squadre entrano in campo per attaccare e divertire, senza timori reverenziali, senza coprirsi troppo (nonostante ieri fosse la prima vera serata freddina...). E infatti Arzignano e Vicenza sorprendono già dalle formazioni iniziali: sono entrambe votate all'attacco. La storica serata del Dal Molin è stata raccontata nell'approfondimento È solo calcio, condotto dal condirettore del Giornale di Vicenza Luca Ancetti, andato in onda ieri un paio d'ore prima del match. Hanno ravvivato l'attesa del derby i colleghi Nicola Negrin, capocronista, e Nicola Gobbo, vicecaposervizio della redazione web, con gli interventi dallo stadio di Eugenio Marzotto caposervizio dello sport e quelli del suo vice, Giancarlo Tamiozzo.

La puntata è stata quasi interamente dedicata al posticipo del girone A, con un focus sulle due formazioni e sui due allenatori, Giuseppe Bianchini e Francesco Modesto. La regia ha trasmesso le interviste pre-gara dei due tecnici. Bianchini si prepara alla partita con determinazione. «Il tasso tecnico delle due squadre è differente. Noi dovremo giocare con umiltà», dice l'allenatore della formazione gialloceleste. «Se loro danno 100, noi dovremo dare 101. E dobbiamo sempre migliorarci», gli fa eco Modesto.La lettura delle formazioni viene accolta con sorpresa dai giornalisti in studio che avevano incentrato la puntata sul termine equilibrio: 4-3-1-2 l'Arzi, con Cester, uno dei tanti ex, escluso dall'undici iniziale, 3-4-2-1 il Lane con Dalmonte esterno (che ha sollevato non pochi dubbi...), Stoppa e Rolfini alle spalle di bomber Ferrari. «Non ce l'aspettavamo» - hanno detto in coro i colleghi, che nel corso della trasmissione hanno anche scherzato e fatto i pronostici dei Mondiali che si stanno disputando in Qatar, "promuovendo" soprattutto la Francia. «Non è la partita di Arzignano ma di un'intera vallata - la sottolineatura di Marzotto dal Dal Molin -, l'atmosfera è familiare ma molto speciale». Una festa nella festa, aspettando la partita. Si è parlato delle 317 presenze di Giulio Savoini e del paragone con Stefano Giacomelli, «il perfetto emblema dei tempi», secondo Tamiozzo. Ma si è guardato anche oltre Arzignano-Vicenza, perché il calendario è fitto e a prescindere da questa gara importante il Lane dovrà correre per recuperare il terreno perso e tenere testa al Pordenone di Mimmo Di Carlo: la sua formazione, a detta di tutti, è quella da battere. Nonostante il pareggio con la Pro Sesto. La regia ha fatto scorrere le immagini dei gol fatti e subìti dai "ramarri" nell'ultimo turno, e così anche quelle di Padova-Renate. È un campionato equilibrato ed è un bene (per il Vicenza) che nessuno abbia ancora preso il largo. Dallo studio allo stadio è un attimo. E così Arzignano-Vicenza ha potuto cominciare.

Parola ai tifosi

I tifosi possono scrivere (prima dell'inizio di ogni puntata) al numero whatsapp 335-6605272 o via mail a esolocalcio@ilgiornaledivicenza.it. Anche questa puntata, come tutte le altre, può essere rivista in qualsiasi momento (e da qualsiasi dispositivo) collegandosi al sito del GdV nell'apposita sezione di "È solo calcio".