Calcio

Morte di Davide Astori: condannato il medico sportivo

Morte di Astori, condannato a un anno per omicidio colposo il professor Galanti

Il professor Giorgio Galanti è stato condannato a un anno di reclusione, pena sospesa, nel processo con rito abbreviato per la morte del calciatore della Fiorentina Davide Astori, trovato senza vita la mattina del 4 marzo 2018 nella sua camera di albergo a Udine mentre era con la squadra. Galanti, unico imputato, era accusato di omicidio colposo per due certificati di idoneità rilasciati al giocatore quando era direttore sanitario di Medicina dello sport dell’Azienda ospedaliero universitaria di Careggi (Firenze).

Galanti è stato anche condannato al pagamento di una provvisionale per il risarcimento danni per un ammontare complessivo di un milione e novantamila euro di cui 250.000 a favore della compagna del calciatore Francesca Fioretti, 240.000 per la figlia Vittoria, i restanti 600.000 per i genitori del capitano viola, Renato e Giovanna, e per i fratelli Marco e Bruno.
 

«È stata ristabilita la giustizia, ma il dolore è tanto perché se non ci fossero stati quegli errori Davide avrebbe potuto essere ancora qua». Così l’avvocato Alessandro Zonca, legale di Marco Astori, fratello di Davide, commentando la sentenza con la quale il gup di Firenze ha condannato il professor Giorgio Galanti a un anno di reclusione con l’accusa di omicidio colposo per la morte del capitano della Fiorentina. «Si tratta - ha aggiunto Zonca - di
una sentenza importante, perché il giudice ha disatteso le conclusioni dei suoi periti».

Suggerimenti