Tokyo 2020

L'azzurra Egonu porterà la bandiera olimpica alla cerimonia d'apertura. Zaia: «Non c'è figura migliore»

La 22enne Paola Egonu (Foto Ansa/Ettore Ferrari)
La 22enne Paola Egonu (Foto Ansa/Ettore Ferrari)
La 22enne Paola Egonu (Foto Ansa/Ettore Ferrari)
La 22enne Paola Egonu (Foto Ansa/Ettore Ferrari)

Paola Egonu sfilerà con la bandiera olimpica nella cerimonia di apertura di Tokyo2020. La pallavolista azzurra, nata a Cittadella e in forza all'Imoco Conegliano, su indicazione del Coni è stata scelta, assieme ad alcuni atleti di altri Paesi, come portabandiera del vessillo a Cinque Cerchi nell’inaugurazione dei Giochi giapponesi, in programma allo Stadio Olimpico di Tokyo venerdì. Il presidente del Coni, Giovanni Malagò, appena atterrato a Tokyo ha subito chiamato la 22enne azzurra per informarla della scelta che, commossa, ha commentato: «Sono molto onorata per l’incarico che mi è stato dato per portare la bandiera olimpica». «Mi ha sono emozionata appena il presidente Malagò me l’ha detto, perché mi ritrovo a rappresentare gli atleti di tutto il mondo ed è una grossa responsabilità: attraverso me esprimerò e sfilerò per ogni atleta di questo pianeta», ha aggiunto.

 

 

 

«Non c’è figura migliore di Paola Egonu, come donna e come atleta, per portare alla cerimonia di apertura di Tokio 2020 la bandiera a cinque cerchi, un grande simbolo mondiale di fratellanza e lealtà, aldilà dello sport». Così il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, saluta «con gioia» la notizia la pallavolista dell’Imoco Conegliano è stata scelta tra gli atleti che porteranno il vessillo olimpico alla cerimonia di apertura dei Giochi. «Paola - aggiunge Zaia - è il simbolo di quanto di meglio lo sport e la società contemporanea possano presentare oggi: donna coraggiosa dentro e fuori il campo, esempio di perfetta integrazione, probabilmente, anche la migliore pallavolista che abbia mai calcato un parquet. Quella di Tokio - conclude il governatore - sarà la sua schiacciata più bella».

Suggerimenti