<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=336576148106696&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">
Basket A1 donne

Il Famila cade a Venezia dopo una lotta all'overtime

di Martino Parise
Battaglia vera in casa delle Reyer Schio insegue per l'intero match raggiunge le lagunari nel finale ma poi cede al supplementare

A Venezia è battaglia vera per il Famila, costretto a un extra sforzo nell'overtime che, alla resa dei conti, favorisce la Reyer per 73-72.Con le ragazze della Virtus Bologna sugli spalti come spettatrici interessate, i primi giri di lancetta vedono il Famila muoversi bene in difesa e, con Howard e Mabrey, andare avanti 4-7. Venezia riesce però a distendersi in attacco dopo i rimbalzi, cambiando così l'inerzia: alcuni canestri a difesa non schierata danno il via a un parziale di 15-0 per le orogranata, frutto anche di conclusioni scledensi che, seppur aperte, non trovano mai il bersaglio. Un appoggio di Penna e una bomba di Sottana nel finale valgono il 22-12. Le percentuali bassissime, infatti, non premiano il lavoro difensivo: alla pausa lunga, Schio ci andrà con ben 18 errori su 21 triple tentate.

A prendersi la scena è Marina Mabrey, mentre Crippa e Sventoraite trovano i loro primi punti. La Reyer continua la sua bella partita e approfitta pure di un "lancio" abbastanza fortunoso di Santucci allo scadere di un possesso per conservare un +9 (37-28). In apertura della terza frazione arrivano subito buone notizie, grazie a un attacco che preferisce innescare Ndour piuttosto che tirare da lontano. Un canestro da vicino di Shepard e un fallo tecnico per proteste di Mabrey mettono brevemente in pausa il ritorno delle orange, che poi sfruttano le lunghe per tornare fino a -2 (49-47) a pochi istanti dall'ultima pausa, nonostante un breve calo d'attenzione che costa 3 canestri subiti.

Fallisce il pareggio Costanza Verona, in sottomano nel traffico. Una chiusura beffarda, tuttavia, rimette 6 punti di margine proprio allo scadere, con un appoggio di Shepard in contropiede. L'inerzia sembra spingere in favore delle padrone di casa, puntuali a punire con Kuier e a trovare le contromisure all'attacco di Dikeoulakos. A metà frazione è di nuovo +9 Reyer, ma Schio si dimostra esemplare continuando a lottare, anche contro le sue stesse percentuali. Alla fine, l'impegno è premiato, con Howard che riesce clamorosamente a impattare a quota 64, a meno di un minuto dal termine, proprio con due bersagli pesanti in sequenza (era 0/6 fino a quel momento).

Mabrey, Sottana e Villa si fermano sul ferro, così si va al supplementare. Le risorse sono al lumicino e le motivazioni delle lagunari, reduci dall'imbarazzante 0-30 subito in apertura da Bologna, riportano il match sui binari orogranata. Schio trova solo 2 punti, con Howard, in 4'22", scendendo a -6 sul 72-66 dopo un antisportivo della stessa n. 10, nervosa per aver rischiato un infortunio. Una buona rimessa con tripla di Mabrey (72-69) e lo sforzo difensivo costruiscono una nuova occasione, ma Venezia è puntuale a spendere fallo per evitare tentativi dall'arco. È troppo tardi quando il margine torna a -1: Schio cade 73-72.

Suggerimenti