Basket Eurolega donne

Beretta, che dolor: l'assedio di Girona sfuma sul più bello

Il rammarico di Sandrine Gruda
Il rammarico di Sandrine Gruda

Nell'ultima giornata di andata il Beretta cade per 85-81 contro Girona, lasciando così il secondo posto del girone proprio alle catalane. Gara ad alta intensità, vissuta quasi sempre un filo dell'equilibrio ma con le spagnole più concrete e solide nell'arco dei 40 minuti. Strepitosa prova di Gruda (28 punti e 11 rimbalzi in 38'), scarsissimo il contributo invece della panchina con le sole Dotto e De Pretto in parte protagoniste.Difese rilassate e attacchi ispirati per buona parte del primo quarto; Gruda confeziona subito un minibreak di 4-0 ma per sette minuti poi le squadre si rispondono colpo su colpo: al 4' Sottana infila la prima tripla della gara (10-15) mentre un minuto più tardi la francese va già in doppia cifra. Più distribuito lo score delle catalane che all'8' impattano con Elonu. Nel momento in cui Vincent effettua i primi cambi crolla il gioco scledense: pessimo approccio alla partita di tutte le sostitute.Le spagnole ne approfittano per portarsi avanti con un break di 10-0 firmato soprattutto Sonija Vasic: 29-21. Serve il pronto rientro di Gruda per far muovere di nuovo lo score del Beretta che nel frattempo esaurisce prematuramente il bonus. Il ritorno delle titolari permette al Famila di riprendere a giocare alla pari e rientrare fino al 39-36. Girona, però, su due errori scledensi piazza un parziale di 5-0 che manda le squadre al riposo sul 46-39.Achonwa firma il primo canestro della ripresa, mentre si iscrive a referto anche Dotto (primi punti dalla panchina) che poco dopo viene però portata a scuola a più riprese da Palau che firma il +10. Ora la gara vive di strappi perché il Beretta risponde con un controbreak di 11-0 che vale addirittura il sorpasso al 27' con capitan Dotto: 55-56. Proprio sulla sirena, però, Achonwa spende il quarto fallo personale su Oma che riporta avanti le sue: 61-60.Il canestro in apertura di Andrè è un fuoco di paglia; l'azzurra, come quasi tutto il resto delle italiane, rimane fuori partita. Così Vincent continua ad affidarsi alle titolari con l'aggiunta di Dotto che ripagano a meraviglia: al 34' Harmon capitalizza tre viaggi in lunetta (tecnico all'allenatore spagnolo) per il 69-70. Vasic e Gray provano la spallata (76-71) ma il Beretta acciuffa la nuova parità con Achonwa e Gruda al 39' (81-81). La francese ruba un pallone fantastico ma, lanciata in contropiede, ne perde malamente il possesso per la stanchezza. Vasic segna sull'attacco seguente mentre Achonwa manca di un nulla il pareggio. Schio sceglie di non spendere fallo negli ultimi 9", non recupera palla e vede sfumare la vittoria: 85-81 il finale. Classifica Girone C: Ekaterinburg 6 punti; Girona 5; Schio 4; Riga 3.

Nicolò Dalle Molle