CALCIO A 5/SERIE B

Isola espugna Cornedo. Il cinismo fa la differenza in una sfida tutto cuore

4-7

Futsal Cornedo: Marzotto, Rossi, Carone, Tibaldo, Buonanno, Degeneri, Grigolato, Brancher, Fahmi, Pizarro, Boscaro, Pretto Marco. All. Ranieri

Isola 5: Parolin, Sbicego, Franceschini, Paulinho, Casara, Siviero, Lelè, Dal Grande, Cleverson, Negro, Gennarelli, Urbani. All. Struzziero Arbitri: Filippi di Bergamo e Krupic di Brescia. Crono: Finotti di Rovigo

Reti. Pt 4’45 Signori (I), 5’10 Buonanno (FC), 11’29 Siviero (I), 15’ Dal Grande (I). St 5’ Degeneri (FC), 9’40 Siviero (I), 10’ Signori (I), 11’30 Boscaro (FC), 14’30 Lelè (I), 12’30 Dal Grande (I), 19’ Degeneri su rig (FC)

Note. Ammoniti: Gennarelli (I), Paulinho (I), Rossi (FC), Siviero (I), Casara (I), Urbani (I)

Una festa tutta a tinte biancorosse. Meritata. Perché l’Isola 5 ha disputato non solo una seconda parte di stagione da prima della classe, ma perché da neopromossa, seppur di lusso, ha avuto il merito di espugnare il Paladegasperi di Cornedo nella finale playoff e meritarsi la qualificazione ai quarti di finale. Un successo limpido quello conquistato dai ragazzi di Struzziero, contro un avversario che ce l’ha messa tutta, ma nulla ha potuto contro il cinismo e la maturità di una squadra che ha tutto per arrivare fino in fondo. Il ritmo è altissimo fin dalle prime battute. Le due squadre si equivalgono ad occasioni. L’Isola però non sbaglia al 4’45, con Signori che calcia di punta, e coglie impreparato Marzotto per il vantaggio biancorosso. Il Cornedo non ci sta, e dopo nemmeno 30 secondi trova il pari, con il perfetto contropiede di Buonanno, che supera Urbani. Al 5’40 il Cornedo sfiora il raddoppio, col palo clamoroso di Fahmi a portiere battuto. In questa fase il Cornedo si fa preferire, e crea chance con Boscaro, Carone e Grigolato, ma Urbani è insuperabile. Non sbaglia invece l’Isola, al 11’29 con un perfetto inserimento di Siviero che anticipa la difesa e con un perfetto tiro al volo supera Marzotto. Il Cornedo reagisce, avanza lo stesso Marzotto come portiere di movimento, ma a trovare ancora la via del gol è Dal Grande, abile a battere al volo una rimessa laterale e a cogliere impreparata la difesa. 
Si va alla ripresa e il Cornedo parte forte, con una chance per Grigolato prima e poi Fahmi su cui Urbani chiude da campione. Al 4’ giocata spettacolare dell’Isola col tacco di Franceschini che libera al tiro Gennarelli, ma Marzotto para. Ci crede però il Cornedo, che non vuole uscire dal match, e al 5’ accorcia con Degeneri, che si accentra e da fuori area fulmina il portiere sorprendendolo sul primo palo. Il Cornedo crea parecchie chance con Boscaro, Fahmi e Pizarro, ma l’Isola si conferma tremendamente cinica e allunga con Siviero al 9’40, col brasiliano che approfitta di un errore della difesa e realizza presentandosi a tu per tu con Marzotto. L’Isola capisce che deve approfittare del momento e poco dopo chiude i conti con Signori, abile a gettarsi su una palla vagante al limite dell’area e a superare il portiere. All’11’30 Boscaro riaccende il lumicino della speranza bluamaranto, segnando come portiere di movimento. Qui l’Isola si dimostra grande squadra: prima crea due opportunità con Siviero e Franceschini, e poi chiude definitivamente i conti con Lelè che insacca dalla sua area a porta vuota dopo un miracolo di Urbani su Rossi. Il Cornedo è encomiabile, e attacca ancora col portiere di movimento, ma segna l’Isola, al 18’30 con Dal Grande, sempre a porta vuota dopo altra paratissima di Urbani su Boscaro. Nel finale Degeneri realizza un calcio di rigore e rende meno amara la sconfitta. Finisce con il Paladegasperi che tributa il giusto applauso alle due squadre, ringraziandole per lo spettacolo offerto. Ora l’Isola affronterà il Potenza Picena.

Nicola Ciatti