Mirra... incenso e qualifica d’oro Suo il pass per la Coppa Campioni

Yohsef Mirra, impegnato nella particolare disciplina acrobatica, sport olimpico dal 1998
Yohsef Mirra, impegnato nella particolare disciplina acrobatica, sport olimpico dal 1998
Yohsef Mirra, impegnato nella particolare disciplina acrobatica, sport olimpico dal 1998
Yohsef Mirra, impegnato nella particolare disciplina acrobatica, sport olimpico dal 1998

Una disciplina giovane, nata negli anni '30 e riconosciuta sport olimpico nel 1998, proprio come il miglior atleta vicentino che la pratica. Lui è Yohsef Mirra, la disciplina è il trampolino elastico, branca della ginnastica che consiste nell'eseguire salti doppi e tripli, tesi o carpiati e spesso anche con avvitamenti, con una fase di volo molto ampia, sia temporalmente che spazialmente, su un telo elastico, unico attrezzo previsto. Spettacolo e divertimento assicurati, visto che la componente acrobatica è quella maggiormente esaltata in questa disciplina. Ma torniamo a lui: Yohsef Mirra, classe 2001, atleta della Gymnica Vicentina che negli ultimi anni con il trampolino ha trovato un feeling davvero eccezionale. Tant'è che l’8 settembre a Milano, il ginnasta vicentino parteciperà alla finale di Coppa Campioni Nazionale gareggiando con i 9 atleti più forti d'Italia, tra cui Flavio Cannone e Dario Aloi, che alle ultime tre Olimpiadi hanno rappresentato il Belpaese nel trampolino elastico. «Yohsef è un ragazzo della nostra società che pratica sia ginnastica artistica, con gli attrezzi “tradizionali”, che trampolino elastico – racconta il suo allenatore, Alessandro Pontalti – almeno per il momento fino a che riesce, poi purtroppo dovrà fare una scelta. Essendo così giovane, potrebbe gareggiare anche nella categoria Junior, ma viste le sue capacità e gli esercizi che riesce a portare a termine, l'abbiamo iscritto come Senior. L'anno scorso è arrivato anche in finale nazionale (a Brindisi) di Serie B, anche se purtroppo non siamo riusciti ad andare in Puglia per questioni economiche. Questa, invece, a cui parteciperà l'8 settembre, è una competizione a sé: la Coppa Campioni è una gara con codici internazionali. Per partecipare bisogna riuscire a fare determinate difficoltà e infatti Yohsef nelle qualifiche ha gareggiato con gli atleti più forti del panorama italiano, tra cui Cannone e Aloi, che fanno Mondiali e Olimpiadi. Ora, ovviamente, se li ritroverà anche in finale. Per la Gymnica Vicentina è una grande soddisfazione: in qualificazione è arrivato quinto (passavano i primi nove) ed è il più giovane ginnasta in assoluto. Ora ci stiamo allenando con un altro ragazzo di Verona, che assieme a Yohsef rappresenterà il veneto in questa competizione».

Anna Fabrello

Suggerimenti