PALLAMANO A1 FEMMINILE

Guerriere in piena crisi
Arriva il settimo stop

La giocatrice Melanie Young durante un’azione. L’impegno delle maladensi non è servito ad evitare un’altra sconfitta
La giocatrice Melanie Young durante un’azione. L’impegno delle maladensi non è servito ad evitare un’altra sconfitta
La giocatrice Melanie Young durante un’azione. L’impegno delle maladensi non è servito ad evitare un’altra sconfitta
La giocatrice Melanie Young durante un’azione. L’impegno delle maladensi non è servito ad evitare un’altra sconfitta

La settima sconfitta di seguito sul campo apre una crisi per le Guerriere, fissandola squadra alla penultima posizione in classifica. La partita di sabato avrebbe potuto essere una svolta e l’avvio verso la strada della salvezza, ma le giocatrici dell’Ariosto sono riuscite a rimanere più concentrate, portando a casa i primi punti della stagione. Parte male la squadra di Sabino, finendo a -3 (1-4) dopo 8’ minuti. I numerosi errori in fase offensiva e una difesa aperta permettono alle ospiti di correre avanti: al 14’ il risultato è di 1-6. Grazie ai gol di Bernardelle e Buhna le maladensi accorciano a -3 al 16’ (3-6), ma dopo qualche minuto di equilibrio le ferraresi piazzano due gol, allungando di nuovo a +5 al 21’ (4-9). Gli ultimi minuti del primo tempo non portano niente di nuovo, l’Ariosto è sempre avanti e conclude la prima frazione a +4 (9-13). Tornando in campo le blues rincorrono le emiliane, che riescono a mantenere le distanze fino al 36’ quando, con le reti di Lain e Baresi, le maladensi arrivano a -3 (13-16). Le ragazze di Generali entrano in una fase in cui riescono a trovare spazi nella difesa delle avversarie costrette a falli di rigore, che Baresi realizza con sicurezza fino al 40’; le ospiti approfittano di questo primo errore, staccandosi ancora e arrivando a +5 (15-20). Sabino prova a rovesciare la situazione con frequenti cambi, notando come invece l’Ariosto praticamente giochi con le stesse ragazze per tutto il tempo, ma senza ottenere gli effetti sperati, specialmente in difesa, dove si continua a perdere nell’uno contro uno e c’è poca collaborazione tra le ragazze; diversi gli errori anche nei tiri a tu per tu con il portiere avversario. Il risultato è sempre di 4-5 gol in avanti per le emiliane, che al 50’ arrivano per la prima volta a +6 (18-24), distacco che mantengono fino alla fine, vincendo per 23 a 29. «Abbiamo sbagliato tanti tiri da sei metri - commenta coach Sabino - e in difesa non abbiamo giocato bene, perdendo spesso i confronti uno contro uno, situazioni che non hanno aiutato il nostro portiere. Non abbiamo una tiratrice da fuori, e questo ci mette in difficoltà in fase di attacco, con le avversarie che ne approfittano giocando difese piatte; perciò dobbiamo cercare di trovare un gioco che vada bene per noi, cercando di sbagliare meno dalle posizioni nette. Serve una vittoria per ritrovare la fiducia, l’importante è crederci e lavorare bene». Sicuramente i giochi sono ancora aperti, specialmente nella bassa classifica, dove con una vittoria la posizione può cambiare subito, anche rimanendo in zona retrocessione. Prossimo turno Sabato: Leno-Guerriere (19.30). Classifica Brixen 14; Salerno 13; Mestrino 12; Pontinia 10; Casalgrande 8; Erice, Cellini 7; Cassano 4; Leno 3; Ferrara, Guerriere, Mezzocorona 2. •. © RIPRODUZIONE RISERVATA

Vlado Brzic