Schio, funghi e vini della Val Leogra Baccalà a Chiampo

GLI APPUNTAMENTI. A tavola nel Vicentino. I classici della “Locanda di Piero” in tavola a Montecchio Precalcino
Renato Rizzardi
Renato Rizzardi
Renato Rizzardi
Renato Rizzardi

Cena dell'orgoglio scledense incentrata su “I funghi e i vini della Valleogra” allo Schio Hotel stasera alle 20.30. Fra l'altro nel menu: entrèe di trombette nere su letto di mais “Maranelo”; fagottino di pasta crepes alla fonduta del fungaiolo con “Castelgrotta” e sapor di tartufo dei Berici; risottino con ragù di “toresan” e finferle (i tre piatti sono abbinati al rosato della Cantina Valleogra); bianco di tacchino locale farcita ai marroni di Mortisa e brasata con spuntagnui, abbinato al Sojo Rosso della stessa Cantina di Malo. Come dessert: gran porcino dolce con bignè al cioccolato nel mar “Chantilly”.
Mercoledì 17 da Doro a Solagna degustazione di vini rari con Gianpaolo Giacobbo di Porthos. Lunga la lista di prestigiosi vini in degustazione, tra cui: gli champagne Ruinart del 1990, Krug 1989 e 1990, Abel Lepitre 1979, Roederer 1979 cuvee Cristal brut e quindi i rossi Tignanello 1971, Brunello di Montalcino 1982 di Biondi Santi, Amarone Masi 1984. Costo: 300 euro.
Mercoledì 17 a Vicenza al Querini da Zemin, Luca Purelli conduce una degustazione con dodici vini della Borgogna. Costo: 60 euro.
Venerdì 19 con inizio alle 20.30 al ristorante Al Torcio di Chiampo di cui è titolare Agostino Dal Lago, cena a tema intitolata “Baccalà d'autore”. È organizzata dagli “Ambasciatori della Buona Tavola”. Il piatto forte della serata è la “Trippa di Bacalà” servita sopra una schiacciata di patate di Selva di Trissino. Quindi, tortelloni ripieni di baccalà con crema di formaggio morlacco e baccalà alla vicentina.
Venerdì 19 alla “Locanda di Piero” a Montecchio Precalcino cena con i classici: insalata di tacchinella alle noci e melograno; tortellini ripieni di tasta sal con cialda di Parmigiano Reggiano; medaglione di faraona alle prugne, mele e salsa in agrodolce; il tiramisù. Costo: 50 euro, vini in abbinamento compresi.
Quattro corsi di cucina aperti a tutti a Creazzo, nella sede dell'Esac sotto l'egida dell'università del Gusto. Inizia Renato Rizzardi de “La Locanda di Piero” il 10, 17, 24 novembre e il 1° dicembre sulla “Cucina stagionale”. Antonio Chemello, del ristorante da Palmerino di Sandrigo, il 25 e 29 novembre: quattro ore, con inizio alle 19.30, tutte incentrate sul baccalà. Antonio Dal Lago (“Casin del Gamba”) svelerà i segreti dei funghi e quelli del radicchio il 21 e 28 novembre.