Sal, l'isola
di sale
e di vento

ITINERARI. Nell'arcipelago di Capo Verde l'avamposto del turismo (molto italiano) offre mare cristallino e da sportivi. Otto km di sabbia a Santa Maria. Nella caldera del vulcano a Pedra de Lume bagni e fanghi benefici per la pelle. Snorkeling e barche
In alto una delle spiagge. Qui sopra un appassionato in azione col surf
In alto una delle spiagge. Qui sopra un appassionato in azione col surf
In alto una delle spiagge. Qui sopra un appassionato in azione col surf
In alto una delle spiagge. Qui sopra un appassionato in azione col surf

Quando ci arrivarono i portoghesi, nel 1640, la battezzarono “plana”, un' isola piattaforma dove c'erano solo sabbia e sale. E così fu per sempre l'Ilha do Sal. Nel variegato arcipelago di Capo Verde, Sal è l'isola senza montagne, a parte un vulcano spento e qualche monte basso che ne muove un po' il profilo.
Il clima è costantemente temperato, piacevole tutto l'anno, un vento mai fastidioso, apprezzatissimo dagli amanti del surf e soprattutto del kite-surf. Qui si è allenato il campione del mondo in carica di questa recente disciplina sportiva, Ayrton Cozzolino, 17 anni, di origine capoverdiana, già campione italiano di kite.
Un'altra particolarità di Sal è la bellezza del mare: acque cristalline che ricoprono una sabbia finissima. Sembra una banalità ma questo vuol dire un mare accessibile a tutti. La spiaggia più famosa, lunga otto chilometri, è quella di Santa Maria, che prende il nome dal villaggio omonimo all'estremo sud dell'isola. E anche qui c'è da vedere e da sorprendersi. In questa cittadina piena di negozietti che vendono abiti e parei colorati, artigianato africano, braccialetti e monili di ogni sorta, si può passeggiare a lungo e immergersi nella rilassanta, quasi pigra atmosfera di quest'angolo d'Africa immerso nell'Atlantico, con la gente che sorride, i bambini che giocano sulla soglia di case, le donne che vendono frutta e sigarette sui marciapiedi. E nei mercatini c'è ogni sorta di oggetto da comprare per portarsi a casa un ricordo della vacanza. Vasta la scelta di ristoranti in paese dove godersi le specialità di pesce della zona a prezzi più che abbordabili. Tra questi l'Odjo d'Agua, hotel e ristorante con terazza sul mare in uno dei posti più suggestivi dell'isola.
La vera curiosità di Sal, tuttavia, resta il suo vulcano nel cui cuore si racchiude la salina. Siamo a Pedra de Lume, un posto magico per il visitatore che vi approda per la prima volta. Si entra nella caldera dell'antico vulcano attraverso un passaggio aperto dai vecchi cavatori della salina, un'attività ormai abbandonata ma che per anni fu una ricchezza per l'isola. Qui l'acqua dell'oceano, percorrendo canali sotterranei, arriva al fondo del cratere e, a causa delle alte temperature, evapora, lasciando sul fondo uno spesso strato di sale grezzo.
Da qualche anno questo luogo è diventato molto apprezzato dai turisti per i trattamenti salutari che iniziano con un massaggio al sale e proseguono con un bagno in una vasca di acqua salata per proseguire con un'“infangatura” in una delle ex vasche della salina. Quando il fango si è seccato sulla pelle, ci si va a risciacquare in un'altra vasca, dove la densità del sale è tale che si galleggia come canotti. Fatto il trattamento salutare, rilassante e ottimo per la pelle e in particolare per chi soffre di patologie dermatologiche, si può fare il giro del cratere visitando le diverse vasche, alcune delle quali sono lastricate di bellissimi cristalli di sale rosa che conferiscono al paesaggio un aspetto marziano. Per chi ama viaggiare per mare, qui a Sal c'è la possibilità di effettuare escursioni intorno all'isola con il catamarano Bazof, per ammirare le coste dell'isola e per fare un bagno o praticare un po' di snorkeling nella baia di Murdeira. Tra le escursioni da fare anche un giro sulla parte dell'isola dove in un' ampia scogliera si è formata una piscina naturale alimentata dalle ondate. I più temerari possono provare il brivido di farsi una movimentata nuotata.
COME ARRIVARE. Sal si raggiunge con collegamenti regolari da Bergamo con Mistral Air. Tra le diverse offerte alberghiere sull'isola c'è quella del Crioula Club Hotel & Resort con trattamento all inclusive e personale italiano. Il Crioula è una struttura realizzata dal gruppo bresciano Stefanina, proprietario anche di Cabo Verde Time, il tour operator di Brescia che propone, tra gli altri, anche viaggi e soggiorni a Capo Verde. Lo stesso gruppo bresciano ha realizzato all'isola di Sal diversi complessi immobiliari come le case vacanza, una fabbrica di birra e un' altra per il trattamento dell'acqua.

Elena Cardinali

Suggerimenti