IL VINO

Le bollicine di uva Garganega
Il brut parla una lingua nuova

Luciano Marchetto assieme al figlio Federico gestiscono l'azienda
Luciano Marchetto assieme al figlio Federico gestiscono l'azienda

Se per l'uva Glera che diventa Prosecco e per la Durella che si trasforma in Durello, la via della spumantizzazione è solidamente tracciata, per la Garganega, vitigno principe della doc di Gambellara, uva versatile e dai toni minerali, la strada delle bollicine, versione dry, è ancora poco percorsa.
A invertire la rotta ci pensa “Ca' Cristofori” , spumante doc extra dry di Garganega in purezza - vinificazione in acciaio, fermentazione in autoclave per 50 giorni - lanciato sul mercato a settembre dall'azienda agricola Luciano Marchetto.
Solo 2000 le bottiglie prodotte, da uva di prima vendemmia raccolta nel vigneto di località Ca' Cristofori, che proposta in versione spumante, per aperitivo o per accompagnare pesce o carni bianche, convince anche chi - come chi scrive - sulle bollicine di Garganega era piuttosto perplessa.
Siamo naturalmente a Gambellara: circa 5 ettari di filari al centro dei Lessini che i Marchetto, papà Luciano, 66 anni, con la moglie Giordana e il figlio Federico, 37, coltivano con passione che essi stessi definiscono “artigianale”. (...)

Leggi l’articolo integrale sul giornale in edicola

Silvia Castagna

Suggerimenti