Lo scrittore Perissinotto:
"Così l'Isis convince i giovani"

Alessandro Perissinotto, 50 anni, torinese, scrittore e traduttore
Alessandro Perissinotto, 50 anni, torinese, scrittore e traduttore

VICENZA. C'è molta storia sociale nei libri che Alessandro Perissinotto, 50 anni, insegnante e traduttore, autore di saggi e romanzi noir, già finalista del premio Strega 2013, presenta a Schio.
Ci sono racconti ispirati all'Italia di ieri, fatta di grandi industrie come la Fiat, che hanno contribuito allo sviluppo di città come Torino, dove Perissinotto nacque nel 1964, e ci sono le storie dell'Italia di oggi: un Paese in crisi fatto di emigrazione ed immigrazione, di sogni e realtà difficili, di pregiudizi e convivenze interrazziali. Ospite della libreria Ubik ieri sera e stamattina del liceo scientifico Tron, Perissinotto- che pubblica dal 1997 - a presentato “Semina il Vento”, edito da Piemme nel 2011 e ristampato recentemente, “Le Colpe dei Padri”, con cui si è classificato secondo al Premio Strega 2013, e l'ultimo lavoro intitolato “Coordinate d'oriente”, edito sempre da Piemme.
Tre romanzi in cui ha affrontato tematiche forti ed attuali come la crisi lavorativa, l'emigrazione degli italiani all'estero, la convivenza interrazziale ed il fanatismo religioso. (...)

Leggi l’articolo integrale sul giornale in edicola

Sara Panizzon