None

Il Goldoni, un palcoscenico dentro la storia di Venezia

LIBRI. Oggi una presentazione nella sede Fita di Vicenza
Lo studio di Roberto Cuppone nel ripercorrere le vicende dalla fondazione nel 1622 fino a oggi

 Roberto Cuppone
Roberto Cuppone

 Roberto Cuppone
Roberto Cuppone

Quanta arte è passata sul palcoscenico del Goldoni? Quante generazioni hanno assistito agli spettacoli ospitati nel celebre teatro veneziano? Quanta storia, quanti avvenimenti, quante emozioni vi si sono susseguite? Tutto questo è raccontato nelle 118 pagine de Il Teatro Goldoni di Roberto Cuppone, volume edito da Il Poligrafo e inserito nella collana "Novecento a Venezia" diretta dallo storico Mario Isnenghi, che l'autore presenterà quesot pomeriggio alle 18 nella sede regionale di Fita Veneto, in stradella delle Barche, 7 a Vicenza. Nel corso dell'appuntamento, a ingresso libero, saranno inoltre lette parti di spettacoli transitati per il Goldoni, affidate ad attori delle compagnie La Ringhiera di Vicenza e Astichello di Monticello Conte Otto.
Primo teatro "pubblico" al mondo, tra le più prestigiose istituzioni culturali veneziane, scrigno di arte e di cultura teatrale, il Goldoni è raccontato da Cuppone dal momento della nascita - nel 1622, quando fu inaugurato come Teatro Vendramin - fino a oggi, attraverso quella fitta trama di eventi che ne hanno fatto un crocevia di teatro e teatranti. Innumerevoli i protagonisti della drammaturgia e della prosa che hanno legato, nel corso degli anni, il proprio nome a questo palcoscenico, a cominciare naturalmente da quel Carlo Goldoni cui l'edificio fu poi dedicato nel 1875, ma senza dimenticare i vari Moro Lin, Selvatico, Gallina, Zago, Benini, Sugana, Duse, Rocca, Beseggio, Cavalieri e tanti altri ancora.
Nel volume di Cuppone, le luci di questo teatro celebre nel mondo si intrecciano alle ombre che hanno contraddistinto parte della sua storia: in particolare, l'inaspettata chiusura negli anni '50, cui fece però seguito una completa ristrutturazione, fino alla riapertura nel 1979 e alla nascita, nel 1992, del Teatro Stabile del Veneto "Carlo Goldoni".
Regista e attore, storico del teatro e docente presso l'Università Ca' Foscari di Venezia, Roberto Cuppone ha lavorato con registi di prima grandezza come Losey, Scaparro, De Bosio, Costa, Boso, Soleri e molti altri. Come autore ha scritto una trentina di testi teatrali rappresentanti; ha anche pubblicato studi, articoli e saggi in materia teatrale.