La Settimana della Memoria

Donne, la tragedia della Shoah. Una mostra tra guerra e ricordo

Il campo di concentramento di Fossoli: con la Fondazione modenese è stato organizzato un viaggio da Vicenza
Il campo di concentramento di Fossoli: con la Fondazione modenese è stato organizzato un viaggio da Vicenza
Il campo di concentramento di Fossoli: con la Fondazione modenese è stato organizzato un viaggio da Vicenza
Il campo di concentramento di Fossoli: con la Fondazione modenese è stato organizzato un viaggio da Vicenza

Il Giorno della Memoria ricorda il 27 gennaio 1945, data della liberazione del campo di sterminio di Auschwitz e il Comune di Vicenza, assieme alla biblioteca Bertoliana, Accademia olimpica, Istrevi, Teatro comunale, conservatorio Pedrollo, organizza una serie di iniziative da oggi al 5 febbraio. La città accoglierà mostre, incontri, concerti, spettacoli e momenti di riflessione per bambini, giovani e adulti per contribuire a diffondere la conoscenza della storia, promuovendo e sostenendo una prospettiva culturale capace di contrastare ogni forma di pregiudizio e di intolleranza.
Il programma ha il patrocinio delle Comunità Ebraiche di Venezia e Verona oltre alla collaborazione culturale della Fondazione ex Campo Fossoli, che per l'occasione propone nella sede di Palazzo Cordellina la mostra "Frida e le altre. Storie di donne, storia di guerra: Fossoli 1944", a cura di Elisabetta Ruffini, con un'integrazione a cura di Luciano Zampese; la mostra, che ricorderà la figura di Katia Bleier, moglie di Luigi Meneghello, rappresenta anche l'occasione per aprire le celebrazioni vicentine per i 100 anni dalla nascita dello scrittore.
«Questa giornata- ricorda il sindaco Rucco - ci richiama al dovere morale di mantenere vivo il ricordo delle pagine più drammatiche della storia. La memoria è un patrimonio comune che va salvaguardato dall'oblio e continuamente accresciuto con impegno e coerenza, nella convinzione che solo seguendo il percorso della memoria l'uomo potrà evitare che possano ripetersi tragedie come la Shoah».
L'assessore alla cultura Simona Siotto aggiunge: «Per far sì che violenza, paura, sopraffazione, persecuzioni non di ripetano è indispensabile mantenere viva la memoria, fondamento della Repubblica che si basa sui principi di uguaglianza, di libertà, di dignità umana».
«Ci sono valori universali imprescindibili per l'umanità, tra questi la memoria - sottolinea Chiara Visentin, presidente della Bertoliana - Quest'anno ci siamo interessati alle figure femminili, visto che la metà delle vittime sono state donne».
«Abbiamo voluto porre attenzione alla devastazione causata dall'Olocausto nelle famiglie- commenta Gaetano Thiene, presidente dell'Accademia - guardando a quei "vincoli spezzati" che hanno strappato gli uni agli altri genitori, figli, coniugi e fratelli».
Sostengono le iniziative Il Giornale di Vicenza, La Voce dei Berici, TvA, Fondazione di Storia, Cinema Odeon, Azione Cattolica, Esac Università del Gusto Confcommercio, Interact- Rotary Vicenza, La Farandola, Rigoni di Asiago, Inner Wheel Vicenza.

Venerdì 21 gennaio Alle 20.45 Teatro comunale, sala del ridotto "Mio padre - appunti sulla guerra civile", di e con Andrea Pennacchi. Musiche live di e con Giorgio Gobbo, Gianluca Segato, Graziano Colella. Biglietteria@tcvi.it

Sabato 22 gennaio Alle 17 in Bertoliana a Palazzo Cordellina, (contrà Riale 12), piano nobile, "Sabati Musicali", concerto per la memoria a cura delle classi di musica da camera del Conservatorio Pedrollo. Ingresso libero.

Mostra Da martedì 25 gennaio a domenica 6 febbraio (da martedì a giovedì 15/18; da venerdì a domenica 10/18), Palazzo Cordellina, contrà Riale 12 piano terra "Frida e le altre. Storie di donne, storia di guerra: Fossoli 1944". Mostra a cura di Elisabetta Ruffini, Isrec-Bergamo, prodotta da Fondazione Fossoli, con una integrazione a cura di Luciano Zampese; grafica di Dario Carta. Inaugurazione della mostra martedì 25 gennaio alle 17 con Marzia Luppi, direttrice Fondazione Fossoli, e Luciano Zampese, università di Ginevra e Accademico olimpico. Enti promotori dell'evento Bertoliana e Accademia Olimpica con la Fondazione ex campo Fossoli, e la collaborazione di Istrevi. Ingresso libero.

Martedì 25 gennaio Alle 18 nella sala Pobbe, Conservatorio Pedrollo, "I Martedì del Conservatorio", concerto per la Memoria, Ensemble di fiati del Pedrollo: Elisabetta Andreani contralto, Antonio Vivian flauto, Marco Gironi oboe, Adalberto Ferrari clarinetto, Steno Boesso fagotto, Michele Orlando corno, Leonardo Vaccari pianoforte. Musiche di P. Valtinoni, G. Ligeti, S. Barber, K.Weill. Ingresso libero.Mercoledì 26 Alle 18.30 incontro online in Bertoliana "Fare comunità" (sul canale youtube Giorno della Memoria - Vicenza, e su www.ilgiornaledivicenza.it). Un viaggio tra le comunità ebraiche del Veneto: legami, identità, tradizione. Intervengono: Bruno Carmi, già presidente Comunità ebraica di Verona, Gina Cavalieri Sacerdoti, vicepresidente con delega alla Cultura della Comunità ebraica di Padova, Paolo Navarro Dina, vicepresidente della Comunità ebraica di Venezia; modera Carlo Fumian, professore ordinario di Storia contemporanea, università di Padova; saluti Chiara Visentin a cura della Bertoliana.

Giovedì 27 gennaio Alle 17 "Tornata Accademica Giornata della memoria", incontro online (canale Giorno della Memoria - Vicenza e su www.ilgiornaledivicenza.it) "Vincoli spezzati... Due famiglie nella Shoah": intervengono Gaetano Thiene, Maurizia Dalla Volta, Luciano Zampese, Antonio Spinelli; con intervento musicale di Ronald Grun. A cura dell' Accademia Olimpica.

Giovedì 27 gennaio Alle 11, al liceo Quadri presentazione del libro di Luigi Massignan "Ricordi di Mathausen" (Cierre/Istrevi 2021). Interviene Alba Lazzaretto con la collaborazione di Mary Pilastro a cura di Istrevi, liceo Quadri e Accademia Olimpica

Giovedì 27 gennaio Alle 16,30 su TvA e 23 su Telechiara, e alle 9.35 e alle 20 sul sito de "Il giornale di Vicenza" dalle 13 il video "Lo spartito della Memoria. Canti della Shoah e parole di oggi": concerto del Coro Cantamarilli con Nicoletta Tretto, maestra del coro; interventi di Mariapia Veladiano, scrittrice; Mattea Gazzola, direttrice della Bertoliana; Alessandra Sala, psichiatra. Regia di Silvio Scacco. A cura di TVA e Il Giornale di Vicenza, in collaborazione con la Bertoliana

Laboratori Da lunedì 24 gennaio a giovedì 3 febbraio in presenza nelle sedi decentrate della Bertoliana "Ester la regina di Persia": laboratori creativi per bambini e ragazzi (7-13 anni) tra storia, musica e dolci tradizioni a cura della Bertoliana, in collaborazione con Interact Vicenza, Esac Università del Gusto Confcommercio, Rigoni di Asiago, La Farandola.

Venerdì 28 gennaio Alle 18 in presenza in Bertoliana, Palazzo Cordellina contrà Riale 12, presentazione del libro di Emilia Peatini "Olga Blumenthal. Storie di una famiglia e di una vita" (Edizioni Cierre 2022) con Emilia Peatini, introduce Nicoletta Martelletto. A cura della Bertoliana. Ingresso libero (il 29 l'incontro sul sito ww.ilgiornaledivicenza.it).

Sabato 29 gennaio Alle 20.45 Teatro Comunale, sala del Ridotto (Concertistica) "I Piccoli musici" coro, "Per non dimenticare": Mario Mora direttore, Krasa Brundibar opera per bambini. biglietteria@tcvi.it.

Domenica 30 gennaio Alle 8 (partenza da Vicenza) 18/18.30 (ritorno a Vicenza) Museo Monumento del Deportato, Carpi (Mo) e Ex campo concentramento Fossoli: visita al Campo di Fossoli e al Museo Monumento al Deportato (Palazzo dei Pio) a Carpi. La visita guidata è gratuita, il viaggio con auto propria o in pullman a pagamento (collaborazione con De Val Viaggi, via Giuriolo per raccolta prenotazione entro martedì 27 gennaio).

Bertoliana Da martedì 25 gennaio a sabato 5 febbraio in Bertoliana, Palazzo San Giacomo, "Il fondo di Bortolo Brogliato: raccontare Auschwitz tra libri e memorie". Vetrina espositiva.