Il prete di Calvene in tv

Don Marco star
su RaiUno col suo
vangelo di strada

Don Marco Pozza, 36 di Calvene, diocesi di Padova
Don Marco Pozza, 36 di Calvene, diocesi di Padova
Don Marco Pozza, 36 di Calvene, diocesi di Padova
Don Marco Pozza, 36 di Calvene, diocesi di Padova

CALVENE. Da sabato prossimo avrà un volto vicentino la rubrica "Le ragioni della speranza", storico programma di RaiUno-Cei, proposto alle 17.30, dopo "A sua immagine". Per dodici settimane la conduzione è stata infatti affidata a don Marco Pozza, 36 anni, il prete di Calvene, cappellano del carcere Due Palazzi, noto per la sua pastorale "di strada", per essere vicino agli ultimi, ma anche per essere stato più volte osteggiato dalla sua stessa chiesa. «Il mio modo di raccontare e testimoniare il vangelo è lo stesso di tredici anni fa - assicura -, quando mi attaccavano. Sono rimasto fedele a quel modo, magari pulendo qualche spigolatura delle mie provocazioni. E oggi quello stile viene cercato». Fra i conduttori del programma ci sono stati in passato padre Raniero Cantalamessa, padre Ermes Ronchi e don Luigi Ciotti.  «Non so cosa ne uscirà - ammette don Marco -. Conosco bene però il desiderio che ho nel cuore, sul quale sto pregando prima che lavorando: riuscire a trasmettere una percentuale di quello stupore che mi nasce dall’incontro con Cristo. Raccontare, scegliendo delle pagine belle di cronaca d’Italia, che il cristianesimo è prima di tutto un fattore che rende l’uomo più uomo. Dimenticato questo, rischieremmo di fare dell’inutile moralismo e Cristo non ha sognato di scrivere un trattato di morale».
 

Marialuisa Duso