Passato e presente

Da Dante all'Unità d'Italia: gli anniversari del 2021

Gli anniversari del 2021 li ha ricordati nel discorso di fine anno il presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Dante a 700 anni dalla morte, i 160 anni dall'Unità d'Italia, i 75 della Repubblica, i 100 dalla nascita dello scrittore siciliano Leonardo Sciascia. Ma anche il mondo della moda ricorda i 50 anni dalla morte dei Coco Chanel e il secolo dalla fondazione del marchio Gucci. E ancora i due secoli dalla morte di Napoleone, ma anche musicisti come Camille Saint-Saën. I 200 anni dalla nascita dello scrittore russo Fëdor Dostoevskij, e del poeta, scrittore, critico letterario, d'arte, giornalista, filosofo, aforista, saggista e traduttore, Charles Baudelaire. In calendario appuntamenti, mostre; poi che cosa si potrà vedere o sentire dipenderà dall'evolvere della pandemia. Inoltre l'Italia ospiterà a Roma a fine ottobre il vertice G20. Ci sono le Olimpiadi a Tokyo ed Euro 2020 di calcio già rinviati di un anno per il coronavirus, altri due eventi attesissimi in un anno che guarda con fiducia ai vaccini, passaporto fondamentale per tornare a vivere con un po' di tranquillità.

 

DANTE ALIGHIERI. 13-14 settembre 1321, la data della morte di Dante Alighieri. Dal 1318 il poeta della Divina Commedia aveva fissato la sua dimora a Ravenna, circondato dalla stima riverente di Guido Novello da Polenta, nipote di Francesca da Rimini (protagonista della dolorosa vicenda narrata nel V° canto dell'Inferno). Di ritorno da Venezia, colto da febbre malarica, Dante muore a 56 anni. Molte le mostre dedicate al Sommo Poeta: si parte da Ravenna e Firenze. Da ieri la Divina Commedia «rivive» sul web. Per la prima volta visibili online, sul sito degli Uffizi, tutti i disegni che illustrano il Poema, realizzati alla fine del Cinquecento dal pittore Federico Zuccari, famoso per aver affrescato la Cupola di Santa Maria del Fiore. Le Gallerie degli Uffizi, che custodiscono l'intero gruppo di questi fogli "danteschi", aprono le celebrazioni pubblicando sul loro sito (www.uffizi.it) la mostra virtuale «A riveder le stelle».

UNITÀ D'ITALIA. La proclamazione del Regno d'Italia avvenne con un atto normativo del Regno di Sardegna -- la legge 17 marzo 1861, numero 4671 -- con la quale Vittorio Emanuele II assunse per sé e per i suoi successori il titolo di Re d'Italia. Il 17 marzo è ricordato l'anniversario dell'Unità d'Italia, festa nazionale istituita nel 1910 in occasione del cinquantenario della ricorrenza. Sono stati già stati festeggiati nel 2011 i 150 anni con molti avvenimenti, mostre. Quest'anno ricorre il 160° anniversario.

REPUBBLICA ITALIANA. Il 2 giugno 1946 gli italiani e per la prima volta le italiane, furono chiamati a un referendum per decidere se l'Italia dovesse rimanere una monarchia, oppure se dovesse essere sostituita dalla repubblica. Vinse questa ultima con il 52 per cento dei voti. E quest'anno si ricordano i 75 anni.

LEONARDO SCIASCIA. 100 anni fa, l'8 gennaio del 1921, nasceva Leonardo Sciascia, una delle personalità più incisive e significative del Novecento culturale italiano. Scrittore, saggista, politico, giornalista, il siciliano Sciascia è una figura da cui non si può prescindere, un intellettuale "a tutto tondo", capace di prevedere la storia d'Italia, di viverla in prima persona e di raccontarla nei suoi libri. Per l'anniversario con in programma convegni e mostre.

NAPOLEONE BONAPARTE. Duecento anni fa, il 5 maggio 1821, nell'isola di Sant'Elena moriva Napoleone: una data che ricordiamo dai banchi di scuola per la celebre ode del Manzoni. A portarlo all'esilio fu la campagna di Russia del 1812: fu un fallimento e l'imperatore abdicò nel 1814. Arrivò dunque il primo esilio sull'Isola d'Elba. Tornò a Parigi nel 1815, riprese il potere per cento giorni, ma la disastrosa battaglia di Waterloo segnò la sua caduta definitiva, morì a Sant'Elena.

COCO CHANEL. "Le sorelle Chanel" di Judith Little è in corso di traduzione in dieci paesi, uscirà in Italia l'11 gennaio: si tratta del romanzo che racconta la storia delle sorelle Chanel prima che fondassero uno dei simboli della moda, del buongusto, dell'eleganza mondiale mezzo secolo dalla morte di Coco. Un libro che ripercorre le difficoltà e le disavventure di due bambine, poi ragazze, rimaste orfane, in una situazione ostile, che non si arrendono alle avversità, ma lottano, anche di nascosto, per affermare la loro volontà di emancipazione. Coco Chanel ha rivoluzionato il concetto stesso di moda e di costume, fondatrice di un impero, leggendaria innovatrice della femminilità, morì il 10 gennaio del 1971 ed ecco un altro libro che la celebrerà "Coco Chanel - La rivoluzione dello stile" è la biografia illustrata edita da White Star che raccoglie 150 splendide immagini che la ritraggono, accompagnate dal testo della giornalista Chiara Pasqualetti Johnson.

CAMILLE SAINT-SAËNS (Parigi 1835 - Algeri 1921) studiò al conservatorio di Parigi con J.F.F. Halévy. Nel 1852 si affermò come compositore vincendo, con Ode à la Sainte, il premio della Société Sainte-Cécile. Già noto come pianista, organista e didatta (ebbe G. Fauré e A.-C.-P. Messager tra gli allievi), allargò la sua fama compiendo fortunate tournée in molti paesi e ottenendo la stima di musicisti illustri, fra cui Rubinstejn, Wagner e Liszt, dal quale fu profondamente influenzato. Nel 1871 fondò con Bussine la Société Nationale de Musique per la diffusione della musica francese contemporanea. Compose diversi lavori teatrali, fra cui l'opera Sansone e Dalila (1877, inoltre musiche di scena, poemi sinfonici e molta musica da camera tra cui Il carnevale degli animali (1886).

GUCCI. Nel 2021 festeggerà 100 anni di vita e di legame con Firenze, la città dove il marchio Gucci è nato (da un laboratorio di valigie fondato nel 1921 da Guccio Gucci) e da dove è partito per conquistare i fashionist mondiali. Un anniversario importante per la maison, in calendario mostre e appuntamenti. 

Chiara Roverotto