IL VINO

Carlo V, grande appassionato di cucina: lo celebra un rosso

Nasce da uve merlot e cabernet raccolte in vigneti selezionati
L´imperatore Carlo V in un celebre ritratto
L´imperatore Carlo V in un celebre ritratto

È un rosso con un nome importante e un compito storico il nuovo nato della cantina Colli Vicentini di Montecchio Maggiore. Si chiama infatti Carlo V e vuole ricordare un momento importante del passato del territorio castellano, ovvero la visita, nel 1532, di Carlo V d'Asburgo.
L'imperatore, racconta la storiografia, giungeva da Vienna, dove aveva contribuito a porre fine all'assedio degli Ottomani del sultano Solimano, ed era diretto a Bologna per incontrare il Papa per essere incoronato. Lungo la strada, il 3 novembre, si fermò ospite della nobile famiglia Gualdo a Montecchio Maggiore. All'epoca, colui che la storia ricorda come il primo re moderno, sul cui regno, si diceva, non tramontava mai il sole, da tanto vasto che era - dall'Europa al Cile e alle Filippine - aveva 32 anni. Le cronache e i dipinti ci riportano l'immagine di un uomo alto e possente, assai rigoroso e poco incline al sorriso. Si sa, con altrettanta certezza, che aveva un'unica, grande passione: la tavola. (...)

Leggi l’articolo integrale sul giornale in edicola

Silvia Castagna

Suggerimenti